Post Translate

giovedì 11 giugno 2015

UPDATED - Dinosauri (*1) Informatici - Specie in Estinzione

INDICE DEI POST 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Questo blog è un po' speciale. E' come scrivere i capitoli di un libro, per cui è opportuno, per poter capire il contenuto di un certo post, leggersi i post che lo precedono, altrimenti alcuni argomenti potrebbero risultare incomprensibili. Chiedo al cortese lettore di essere paziente e di spendere un po' del suo tempo per condividere con me i suoi commenti e le sue critiche, affinché mi aiuti a migliorare i concetti, il lessico, l'esposizione. 
Un sentito e cordiale grazie.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



Updated (***)

L'altro ieri, dopo un anno, sono ritornato nella agenzia della mia Banca per conoscere il mio nuovo referente e per fare un'operazione di sportello non consentita via Home-Banking Internet.

Non c'era.

 Così come non c'era più la guardia del servizio di sicurezza. Soppresso per risparmiare.

Ho preso il biglietto e mi sono messo in coda. Una sola cassa aperta e 10 persone prima di me, tutte anziane in attesa di pagare bollettini e deleghe f24, Operazioni che si possono agevolmente fare col PC da casa o tramite smartphone.

 Una signora dopo aver atteso due ore si è vista rifiutare dal cassiere il pagamento della bolletta dell'Enel essendo questo il periodo in cui scadono i pagamenti ICI & C (mai soppressa, anzi aumentata con altre voci). All'ingresso un cartello che avvertiva la sospensione del servizio bollettini. La signora non lo aveva letto e ha cominciato a dare in escandescenze. Ho cercato di calmarla e dopo un po'  se ne è andata urlando "Banca di Merda".

 Un'altra signora che aspettava da un'ora e mezza ha commentato "Non sono libera di pagare come mi pare". "No" le ho detto "Lei è libera di fare come vuole, ma deve trovare il luogo adatto, qui si fa così. E se vuole risparmiare tempo della sua vita usi Internet e in 2 minuti fa quello che oggi la impegna per tutta la giornata. Guadagnerebbe un giorno di vita in più". Le bastano 20 minuti per leggersi le istruzioni ed imparare come fare".
Cosa mi ha risposto?
"Non ho tempo né voglia di far questo. Odio i computer, gli smartphone ed Internet. Non voglio imparare..." e a seguitato ad inveire. Poi se ne è andata senza aver combinato nulla.

A questo spettacolo assisteva una signora anziana che sorrideva pacatamente tenendo per mano la nipotina di tre anni e mezzo. Io la guardo; mi dice: "Io sono fortunata ho un marito informatico e un figlio ingegnare informatico, queste cose le so. Sto qui perché devo fare un'operazione di sportello, come immagino lei (rivolta a me), sennò chi ci viene più in agenzia. Vede questa è mia nipote e a due anni e mezzo ha imparato a leggere usando lo smartphone. Adesso, dopo un anno è la più veloce di tutti noi."

Lo smartphone (o il PC) non sono né buoni né cattivi, dipende dall'uso che se ne fa. Esattamente come dicevo 15 anni fa quando tenevo i primi corsi di informatica: il martello non è né buono né cattivo. Dipende da come lo usi. Se ci pianti i chiodi va bene, ma se ti schiacci il pollice o te lo dai sulle ginocchia va meno bene. Questi concetti li troverete in un prossimo e-book, curato dalla mia amica Marina e dal mio amico Andrea che stanno riformulando, con pazienza e professionalità, le trascrizioni delle lezioni che ho tenuto nel lontano 1997-1999.


Il tempo in cui viviamo è l'era informatica. Chi si adegua vive, chi non si adegua è fuori dal suo tempo; biologicamente seguita a vivere, ma di fatto  appartiene ad una specie estinta.
Chi mi legge forse non sarà d'accordo. Ma purtroppo le cose stanno così.

In realtà l'informatica c'è sempre stata e il primo sito si chiamava WWW.EDEN.COM.
La sua "mission" era vendere mele stregate ed era gestito dalla multinazionale Snake-Constellation, che non è mai fallita.
Senza Snake-Constellation nemmeno la chiesa cattolica esisterebbe. E' il diavolo che la tiene in piedi.

Snake adesso si è trasformata e gestisce tutto l'E-Commerce su Facebook, WhatsApp, Hangout, Twitter, Instagram, Blogger (che sto usando adesso), etc, etc.
Siamo tutti schedati. Per ognuno di voi c'è un dossier con profilo personale incluso, aggiornato in real time in funzione delle clikkate che fate.


Non ci credete?

Tre mesi fa ho messo in vendita, su Internet, una moto da fuoristrada.
La prima cosa che ti accade se pubblichi l'annuncio su Bakeka è la c.d. "Truffa Africana". In Nigeria e in Costa d'Avorio ci sono truffatori specializzati nello spillare poche centinaia di euro ai creduloni. Ti scrivono che vogliono comprare l'oggetto e che manderanno il corriere a ritirarlo a loro spese. Ti chiedono le tue coordinate bancarie per il bonifico. Poi ti scrivono che nel loro paese c'è una legge che impone una tassa per sbloccare i bonifici internazionali e ti chiedono di anticipare 180 €. Ti mandano le loro coordinate bancarie. Tu paghi e... poi niente.

Io che 'ste cose le so mi diverto a menarli per il naso e gli chiedo di mandarmi copia della patente, della carta di credito e del passaporto. Nessun problema. Mi arrivano i documenti scannerizzati: ne trovi a centinaia su Internet con Google. Io gli dico che ho fatto il bonifico (ma non è vero) e che aspetto il corriere. Dopo un po' mi riscrivono dicendo che non hanno ricevuto niente... ping pong di mail poi gli mando il link (con tanto di pernacchia) dove si spiega la truffa africana e finisce lì.
Chiaro fino a qui?
I documenti (solo immagini JPEG, niente testo) allegati alla mail erano quelli di un certo Andrè Pascal autotrasportatore di Marsiglia temporaneamente residente in Costa d'Avorio.
Ma non è questo il punto.

Tempo fa entrando su Facebook  ho trovato tra l'elenco dei possibili "Amici" indovinate chi?
Andrè Pascal!
Con tanto di foto e account Facebook (di Microsoft).
Io per questi giochetti africani uso gmail di Mauro rossi (ovviamente di Google).
Google e Microsoft... Cani e gatti.
Seeeeeh! Come il ladri di Pisa che di giorno litigano e la notte vanno a rubare insieme.

L'informatica.

Ma c'è pure chi la sa usare e pure molto bene. Mica solo i giovani.
Ci sono certi vecchietti come me (domani faccio 72 anni) che la mattina coi bits ci fanno colazione.
E ci sono ex-mamme eccellenti professioniste che con Autocad, Autodesk, Librecad e simili progettano strutture edilizie di pregevole fattura.
Proprio oggi devo incontrare un'architetta che ha in mente  due "apps" Android: una sulla ricerca interattiva tramite immagini e l'altra sulla evoluzione della traduzione simultanea.
Vediamo che succede.

Passiamo alle cose importanti.

Esiste una leggenda riguardo l'uso che facciamo del nostro cervello.
C'è chi dice il 10%, chi il 5%, ma nessuno arriva a più del 20%.
Nel film Lucy, interpetato da Scarlett Joanhsson, una studentessa riesce ad arrivare al 100% annullando le sue fattezze corporee e diventando Dio! Che fantasia Luc Besson!
Come si misura l'intelligenza o meglio il funzionamento della mente?
Ci sono tanti modi che potete vedere facendovi una bella googlata.

Come informatico uso l'approccio utilitaristico. Il software memorizzato e distribuito nel DNA nelle mie cellule come lo so usare?
Mica solo il cervello. Tutte le cellule hanno il loro software, ciascuna di esse è interconnessa come in un'incommensurabile rete virtuale di computazione.
La salute biologica, funzionale, economica, psichica e creativa certificano il buon uso di questo software. La mente è OK.

Non considero la salute affettiva, quella dei "buoni sentimenti", del buonismo contro natura che produce più danni di quanti ne voglia riparare: un sottosistema, questo, della Costellazione del Serpente.

Ma dove voglio arrivare?
C'è nell'uomo un software che funziona al 100%???
Provate a rispondere (lascio qualche interlinea, così ci pensate).
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

Secondo me la risposta è sì.

Questo software è il nostro servizio di sorveglianza interno, un software che registra tutti i nostri pensieri, tutte le nostre azioni, tutte le nostre omissioni. Un software che ci segnala pure le opportunità di crescita e le tentazioni e i pericoli da evitare.


Se avete letto qualcosa su questo blog, sapete questo Maestro ci parla attraverso i sogni, le fantasie, i lapsus, le intuizioni, ...
Io l'ho chiamato "Semprissimo". Sta con te 25 ore al giorno.
Semprissimo ti parla col linguaggio delle immagini.
Di solito il sogno è suddiviso in tre parti.

La prima ti dice come stai. Quale è la tua posizione della tua vita. La prima scena, quando si apre il sipario dell'inconscio, ti dice "tu stai qui e sei così": preciso al 100%;

La seconda parte ti rappresenta il problema, le cause del problema e la sua evoluzione.
Se stai bene ti dice la via da seguire per crescere e ti informa sulle possibili relazioni accretive.
Se stai male (non stai facendo niente per te, compreso) ti fa vedere dove, come, quando e perchè ti sei ritrovato nella situazione della scena d'apertura. Viene rappresentato l'aspetto causale e teleologico (finalistico) della intenzionalità psichica: preciso al 100%.

La terza parte ti dice come le cose vanno a finire: esatto al 100%.

Tutto attraverso le immagini.

Se conosci l'informatica sei facilitato a leggere l'alfabeto, la grammatica, la sintassi e la semantica di queste immagini.

Il sogno non ha più bisogno di essere interpretato.
Lo leggi e lo "traduci" in un linguaggio comprensibile.

Ma chi produce il sogno, la fantasia...??
Semprissimo!
E questa rappresentazione immaginifica viene costruita in modo che il tecnico la sappia leggere.
In psicologia non è bravo lo psicologo! No!

E l'infallibile semprissimo del cliente che rappresenta sul palcoscenico onirico una commedia la cui visione sia accessibile alla comprensione dello psicologo.

Il film onirico descrive la situazione esistenziale del sognatore con un precisione del 100%.

A volte, quando sto a cena con conoscenti od amici, siccome sanno che so fare questo, il discorso cade sui sogni. C'è sempre qualcuno che, mentre mi sto gustando la tartara di tonno (che buona!) innaffiata con prosecco DOC Extra Dry (mi piace così!) si mette a raccontare il suo sogno.
Prima, per cortesia e buonismo, facevo parlare... poi la tartara di tonno mi rimaneva sullo stomaco mentre il prosecco diventava acqua gassata.
Adesso stoppo al volo.
Non mi piacciono insetti, paludi, abissi, coccodrilli, lucertole, tombini di fogna, caverne oscure, alieni tatuati, ascensori, trebbiatrici, coltelli e altre 80-90 cose indigeste per qualsiasi stomaco sano.

Ma è solo un sogno mi ribattono.

L'informatica onirica c'è e da sempre c'è. E un presente continuo, registrato un immenso data base individuale a sua volta interconnesso con gli altri come in una rete neurale virtuale.
Un immenso  iper-database psichico, con tanto di software.

Uno dei mie maestri, M.A. ha lo ha chiamato "campo semantico" e lo ha trattato in numerosi libri e conferenze. Cercate "campo semantico" e "monitor di deflessione" su Google.

Io tratto questi argomenti col linguaggio attuale e universale dell'informatica.
Al diavolo l'esoterismo, i maghi, i chiromanti, i guru, i veggenti, gli indovini, i falsi profeti, quelli che vedono la Madonna, gli estatici, i metidabondi, Scientology, l'asservita psicologia attuale, l'ipnosi, ...,
e ci metto pure la PNL, tiè!

Sai leggere i sogni?

Semprissimo (Lucy onirico) è esatto?
Allora è pure vero?
No! E' esatto.
Le verità sono molteplici ed opinabili.
Una diagnosi per immagini tipo RMN non è vera!
E' esatta!
Al 100%, se sai leggere le immagini che produce.

Semprissimo è esatto?
Al 100%, se sai leggere le immagini che produce.

Questione di tecnica applicata e basta.

Non è poco.


                                                  
un saluto da

Daniele Bernabei

                                                       
(*1) DINOSAURO
Archetipo negativo. Principio che identifica azioni distruttive, per lo più al di sopra di ogni possibilità difensiva del soggetto. (A. Meneghetti - Prontuario onirico - Ontopsicologica Editrice).

Semprissimo dà le dritte necessarie e sufficienti per azzerare qualsiasi dinosauro.