Post Translate

martedì 27 dicembre 2016

F.A.Q.

INDICE DEI POST 
Libro Online sui sogni. Ed è gratuito!
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Blog che insegna ad usare in modo utile i sogni


Questo blog è un po' speciale. E' come scrivere i capitoli di un libro, per cui è opportuno, per poter capire il contenuto di un certo post, leggersi i post che lo precedono, altrimenti alcuni argomenti potrebbero risultare incomprensibili. Chiedo al cortese lettore di essere paziente e di spendere un po' del suo tempo per condividere con me i suoi commenti e le sue critiche, affinché mi aiuti a migliorare i concetti, il lessico, l'esposizione. 
Un sentito e cordiale grazie.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 
F.A.Q_ (Frequent Fucked Asked Questions)

Che cosa è la "Costellazione del Serpente"?
La risposta più ovvia è il titolo del mio BLOG.  Se hai pazienza di leggere i miei post e le mie pagine puoi farti un'idea.
Comunque La Costellazione del Serpente è il sistema operativo globale che condiziona l'essere umano imponendo scelte di vita illusorie e inutili. 
Questo sistema opera sotto la soglia della coscienza e non può essere rilevato con i normali strumenti di indagine scientifica in quanto inglobato capillarmente nei modelli sociali.
L'attivatore iniziale della Costellazione è il nucleo familiare: il modulo base di qualsiasi statuto sociale.
Per intercettare le dinamiche patologiche è necessario un approccio che tenga conto anche dei processi mentali apparentemente irrazionali, immaginativi, analogici che ritroviamo nei sogni.

Il sogno è il rivelatore infallibile dei "virus" mentali che condizionano la mente umana.

Trova il tempo per leggere questo blog.

Ma se non ho tempo?
Dovrei scrivere il "Bignami" per i lettori frettolosi? No di certo.
Quando  insegnavo informatica in Azienda preparavo prima il calendario dei corsi in funzione delle esigenze che la Direzione e i vari Uffici e Servizi presentavano e che il sistema informatico centrale difficilmente riusciva a soddisfare. Un elefante non può infilare l'ago per cucire l'abitino del criceto.
La soluzione era quella di usare i P.C. che l'Azienda comprava ma che poi rimanevano a prendere polvere perchè nessuno li sapeva usare. Allora organizzai i corsi. QUANDO COMUNICAVO LE DATE DEI CORSI TUTTI ERANO D'ACCORDO. MA POI QUANDO GIUNGEVA IL MOMENTO I CAPI DEGLI UFFICI SI RIVELAVANO RESTII PERCHE', SECONDO LORO, NON AVEVANO TEMPO NE' PER SE' NE' PER I LORO SUBORDINATI. Il lavoro era tanto e tutti dovevano rimanere allo sgobbo.
Capi ufficio IGNORANTI. 
L'ignoranza è il diavolo universale che impedisce la conoscenza e la crescita.
"SI E' SEMPRE FATTO COSI!"

Ma non è bene lasciare le cose come stanno se il sistema funziona?
Funziona in relazione a cosa e in relazione a chi? Posta così la domada non significa nulla.
riproponila in modo completo. 

Non saprei. Forse in relazione all'ignoranza? 
Esatto!  Quando poi il Capo Ufficio si lasciava convincere e faceva il corso E METTEVA IN PRATICA LE COSE APPRESE, succedeva il miracolo: il lavoro di una settimana fatto in mezz'ora! Il caso limite fu quello di una signora che preparava gli stipendi e lavorava a fare "data entry" sei giorni su sette per un totale di 36 ore. Fatto il corso,  fatto il foglio excel collegato al sistema centrale... et voilà lavoro fatto in 20 centesimi di secondo. La signora percepiva il compenso da funzionario e invece faceva "data entry". Ignorante lei, il suo capo, il capo del suo capo, il capo del capo del suo capo... 

Ma che c'entra questo con la "Collana del Serpente"?
Sbagliando hai detto giusto "Collana". La Collana sta dentro al tuo cervello, stretta stretta, per impedire alle informazioni buone di farti diventare intelligente. Questo blog è "Il Manuale Utente" per slacciare questa collana.

E come si fa?
Trova il tempo per leggere anche se ti sembra di non averlo. 
E poi questo mica è un libro. L'autore ha usato il formato "Blog" che permette di scrivere dei commenti. I commenti possono essere pure delle domande, mica devon essere i "Mi Piace" come fano i faccebbucchiani. Le risposte e le domande sono pubbliche e chiunque può usufruirne. Questo è lo spirito con cui scrivo. 

Quindi il BLOG è solo per gli ignoranti? 
E' diretto a coloro che, spinti dalla curiosità, vogliono imparare cose nuove o approfondire quello che già sanno.  Io qui voglio far imparare l'informatica ma.... per studiare i sogni che gli uomini fanno quando dormono (e pure quando sono svegli).

E che c'entrano i sogni con l'ignoranza. I sogni, dice "Froid", sono...
Fermati che sui sogni tanti hanno detto e scritto. Ti consiglio prima di leggerti quello che ha scritto in proposito Terenzia Forse. 
I sogni, carissimo, ti dicono sempre le cose che ignori ma che per te sono di importanza vitale.

Ma io i sogni non li faccio mai.
Così pare a te. In realtà tu sogni sempre, ma non te li rammenti. 

E cosa posso fare per ricordarli?
Questo blog, è "open source",  secondo la "Gift Culture" (la cultura del dono).

Cosa significa?
Per i primi due anni provo ad erogare, a titolo gratuito, corsi propedeutici allo studio dei sogni. Quello che chiedo è l'impegno a seguire assiduamente le lezioni e a contribuire ad alcune spese come, per esempio, quando decidiamo collegialmente di organizzare eventi. I fondatori mettono  gratuitamente a disposizione alcune strutture per potersi riunire in gruppi di studio.

E se io non posso venire o mi assento? 
La responsabilità è sempre e solo individuale. Se ti interessa e ti piace il tempo lo troverai sempre così come lo trovano quelli che hanno cominciato.

Quindi i corsi non si pagano?
Inizialmente no poichè vogliamo trovare persone capaci di sviluppare il nostro progetto che abbiamo chiamato "MINDOWS" (le finestre della mente).

Cominciamo. Io non ricordo i sogni cosa devo fare?
Te lo dico subito.
  1. Stanotte cerca di dormire da solo;
  2. Non mangiare pesante a cena. Una minestra leggera, un po' d'acqua e basta;
  3. Evita assolutamente di vedere la televisione;
  4. Niente sesso; niente discussioni in famiglia;
  5. Evita di sbatterti su Facebook e Compagnia Cantante. Anzi spegni PC, Tablet e Smartphone;
  6. Evita telefonate inutili e pettegole;
  7. Dopo cena, fatti una passegiata di un'oretta da solo;
  8. Prima di andare a dormire fatti una doccia, lavati bene i denti;
  9. Sul comodino metti un bicchiere d'acqua, una penna e un block-notes (per scriverti i sogni);
  10. Appena coricato immagina intorno a te una bolla di energia luminosa che ti protegge, tipo quella che si vede nei film di fantascienza. Serve solo per distrarre la mente dai pensieri quotidiani ed allontanare le preoccupazioni, se ne hai;
  11. Tacita dentro di te i rumori che ti disturbano;
  12. Se prendi delle medicine per dormire dimezza, per una volta, la dose. Chiedi prima al tuo medico.
  13. Leggiti qualcosa sui sogni, magari quello che ha scritto Terenzia: ONIROCRITICA (puoi usare lo smartphone - meglio se te lo stampi);
  14. Poi spegni la luce e accenna un leggero sorriso... 
  15. Buonanotte amico. 
Ho fatto un sogno e me lo sono scritto...
E' un dono che ti sei fatto. Non sprecarlo andando a dire a destra e a manca cosa hai sognato. Tienilo per te. Hai già fatto abbastanza: hai aperto una porta per entrare in un mondo che, fino a ieri, ti era sconosciuto. Non raccontarlo a maghi, indovini, numerologhi, contattisti, sciamani, illuminati, filosofi, sacerdoti... Tienilo per te.  Non mettere il tuo sogno sui commenti, di solo che hai sognato. Per leggere i sogni tocca avere davanti la persona. Se seguiti a sognare potrai, se ti va, partecipare al nostro corso introduttivo fatto di incontri domenicali, insieme con noi, in un ambiente naturale (tempo permettendo). E' bene che ci si conosca prima, magari ci vediamo su Skype.
C'è un bel libro sulla Interpretazione dei Sogni scritto da Artemidoro di Daldi, edizioni ADELPHI. Inizia da lì. 

E poi? 

Ricordati che questo blog in realtà è un LIBRO che propone e diffonde diverse novità sulla lettura dei sogni.


La prima è quella relativa a SEMPRISSIMO, che ho trattato ampiamente. SEMPRISSIMO è la videosorveglianza della tua vita. SEMPRISSIMO, nei sogni, ti presenta delle storie che ti dicono come va la tua vita. Nei sogni l'interprete principale sei sempre tu.

Fai conto che il sogno è una rappresentazione teatrale con i suoi personaggi, con i loro sentimenti ed emozioni inseriti in una determinata scenografia. Un sogno completo di solito è composto da tre momenti che si svolgono in tre scene distinte: la situazione iniziale, quando si apre il sipario (di solito un problema esistenziale); le peripezie per risolvere il problema; il finale.
Quando il problema è di una certa gravità è opportuno osservare almeno tre sogni in serie.

L'altra novità consiste nell'usare il modello informatico per leggere i sogni, e per farlo ho inventato la figura dell'Auditor Onirico che deve possedere una ben precisa capacità: saper  leggere l'intenzionalità di natura all'interno del sogno. Questa intenzionalità s'identifica con l'ISO di natura del sognatore. Proprio come si fa per le certificazioni ISO (International Standard Organizaton).

L'Auditing Onirico introduce l'ISO primario relativo al linguaggio dei sogni: ISO 00000. I sogni occupano uno spazio virtuale esattamente come l'attuale WEB. La loro peculiarità è che questo spazio virtuale di immagini esiste da quando è comparsa la vita su questa Terra.
Chi banalizza il linguaggio dei sogni fa un pessimo servizio sociale, evidenziando ancora una volta la propria, profondissima, ignoranza.

Per comprendere quello che scrivo bisogna studiare bene queste paginette, andando a vedere anche i link inseriti nel testo.

Daniele Bernabei


 

  

  
 

 


 

domenica 6 novembre 2016

Updated - L'Inconscio

INDICE DEI POST 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Blog che insegna ad usare in modo utile i sogni


Questo blog è un po' speciale. E' come scrivere i capitoli di un libro, per cui è opportuno, per poter capire il contenuto di un certo post, leggersi i post che lo precedono, altrimenti alcuni argomenti potrebbero risultare incomprensibili. Chiedo al cortese lettore di essere paziente e di spendere un po' del suo tempo per condividere con me i suoi commenti e le sue critiche, affinché mi aiuti a migliorare i concetti, il lessico, l'esposizione. 
Un sentito e cordiale grazie.

--------------------------------------------------------------------------------
UPDATE

Nulla accade per caso. In un sogno ho visto che sarebbe stato utile scrivere questo post.
Ne ho avuto conferma.
C'è, finalmente, chi sta studiando i miei articoli ed alcuni hanno provato a mettere in pratica le indicazioni che i loro sogni inviano attraverso il linguaggio delle immagini.
Un codice assolutamente comprensibile razionalmente quando si usa un modello interpretativo squisitamente informatico. Fate conto che un sogno è composto da tante finestre (proprio come Windows di Microsoft), e ciascuna finestra (o scenario) ha un suo preciso significato, assolutamente non ambiguo. 

Ogni immagine si riferisce a qualcosa che sta accadendo proprio adesso, anche se lo scenario si riferisce al passato (del sognatore). 

Il passato, nei sogni, esemplifica qualcosa che sta accadendo ora secondo un "format" già utilizzato nel passato. Di solito denuncia una distonia di comportamento, ovvero un errore del passato che si ripresenta adesso.

A volte il passato è rappresentato dai numeri: l'età in cui è cominciato un certo disturbo, gli anni che sono trascorsi da quando ti sei sposato, la fine di un periodo della vita come la scuola (il numero 18-19 è un classico), oppure quando hai avuto un certo rapporto erotico (maschio o femmina) vissuto in modo violento o spiacevole... O falsamente piacevole.
Tanto per fare qualche esempio.

I sogni, come ho già detto si suddividono in tre parti: situazione iniziale (il problema), la parte centrale (la peripezia ovvero cosa sta accadendo adesso) e la conclusione. 
Fate conto che è come un toast con in mezzo una sottiletta. Il sapore lo dà il formaggio, ovvero la parte centrale. E' proprio qui che si evidenzia se il cacio è buono oppure no e se "no" nel finale si vede come fare per recuperarlo e conservarlo fino a stagionatura o mangiarlo fresco.

I sogni cominciano a dare i loro frutti aiutando quelle persone che hanno avuto il coraggio di seguire l'evidenza di ciò che le immagini insegnano. Non si tratta solo di scrivere  post su questo blog, ma di avere anche dei riscontri positivi che, per motivi di riservatezza, non possono essere riportati nei commenti.

Sono davvero contento.

mercoledì 12 ottobre 2016

Il Naso di Pinocchio

INDICE DEI POST 
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° 

LIE DETECTOR



Quello che voglio dire in questo post riguarda la tendenza dell'essere umano a mentire continuamente, specie quando si tratta di scoprire la propria intima verità. Verità che viene continuamente uccisa dalle morali sistemiche, religiose e familistiche che impongono una visione distorta della propria autenticità originaria.
Il Peccato Originale è proprio questo.
La Bugia Primaria e Primigenia contro la propria Natura in quanto esseri umani.
La menzogna contro la nostra ragione di esistere.

Siccome mi piace dimostrare quello che scrivo vi invito prima a vedere questo filmato con Pamela Meyer, visto quasi 8 milioni di volte, e poi... :-))

Per i sottotitoli cliccate sull'icona a sinistra della rotellina a dx in basso.





Interessante, vero!?

C'è un altro modo infallibile per scoprire le menzogne.
Assolutamente infallibile.
Molto, ma molto più efficace di quello presentato da Pamela.
Quale è?


Tanti anni fa, mi rammento, una signora mi disse queste testuali parole: "Ma non è meglio vivere nell'ignoranza così seguitiamo ad essere felici?".
Non sapeva che io sapevo.
La sua felicità era quella di scolarsi un fiasco di vino al giorno e di sbattersi gli amici del marito.
Lo psichiatra le aveva consigliato di adottare un bambino per responsabilizzarla. Non bastavano le tre figlie che già aveva messo al mondo.
Figlia viziata di ricchi non aveva mai lavorato e la sua alcolica bellezza  andava velocemente sfiorendo.

Dentro di noi c'è un infallibile Lie Detector che continuamente ci manda messaggi sulle nostre bugie consapevoli e inconsapevoli (non fa differenza).
Bugie che diventano sintomi, dolore, odio, rancore, vendetta, falso amore, malattia, morte...

Bugie interne che si manifestano all'esterno come sintomi e che dalla scienza ufficiale vengono considerate le cause esterne del malessere soggettivo e collettivo.


Per saper usare bene il Lie Detector al quale mi riferisco ci vogliono almeno cinque-sei anni di specializzazione quotidiana. E a volte nemmeno bastano.

In quest'ultimo anno ho incontrato diverse persone che potrebbero diventare esperti nell'uso di questo Detector, specie una ragazza che ho conosciuto tempo fa ma che è stata allontanata dalle bugie e dalle resistenze familiari.
E pure un' altra che, sconsideratamente, ha dato credito alle bugie del suo ex-datore di lavoro, perdendo la sua identità personologica.
Un vero peccato.

Come si chiama questo modello di Lie Detector?

Un saluto.

Daniele Bernabei








martedì 11 ottobre 2016

CINELOGIA


INDICE DEI POST 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Blog che insegna ad usare in modo utile i sogni


Questo blog è un po' speciale. E' come scrivere i capitoli di un libro, per cui è opportuno, per poter capire il contenuto di un certo post, leggersi i post che lo precedono, altrimenti alcuni argomenti potrebbero risultare incomprensibili. Chiedo al cortese lettore di essere paziente e di spendere un po' del suo tempo per condividere con me i suoi commenti e le sue critiche, affinché mi aiuti a migliorare i concetti, il lessico, l'esposizione. 
Un sentito e cordiale grazie.

-----------------------------------------------



CINELOGIA


 La Cinelogia è una tecnica psicologica che usa il film come strumento di evoluzione personale. Si può usare qualsiasi film sebbene alcune pellicole siano più adatte ad evidenziare gli aspetti reconditi della psicopatologia umana, in particolare la c.d. psicologia negativa.
 L'anno passato ho provato a fare una cinelogia col documentario romanzato "Amazzonia" proiettato in 3D.
 Nonostante fosse, per così dire, "neutro" , il film è riuscito ad evidenziare, grazie alla conoscenza del tecnico psicologo (il sottoscritto), conflittualità latenti e opportunità evolutive.
 Alcuni anni fa ho iniziato questo esperimento coi film "leggeri" che poi, in realtà non lo erano affatto.
 In questo post c'è la trascrizione integrale di "Mezzogiorno e Mezzo di Fuoco" un film del 1974 diretto da Mel Brooks (Il regista di "Balle Spaziali").

Qui potete osservare, per filo e per segno, come si conduce una cinelogia, e farvene un'idea leggendo la trascrizione dei dialoghi.

Googlate il titolo e se non riuscite a trovare il "Full Movie" mandatemi una mail che vedo di darvi un link d'aiuto.
Su youtube ci sono degli spezzoni e pure il film intero (a pagamento) sia in versione originale che doppiata.


50 best bits

Infine se avete 12,73€ da spendere andate su Amazon che ve lo fa arrivare a casa in un giorno.

E' bene vedere prima il film... Anzi è quasi necessario.

La cinelogia che vi presento è letta in chiave psico- informatica.

Questo post può essere d'aiuto a chi ha intenzione di organizzare eventi che abbiano il cinema come argomento.
Posso fare buona consulenza in merito.

Tenete presente che la Cinelogia è molto diffusa in America Latina e nella grande Russia dove si insegna all'università di San Pietroburgo.

giovedì 15 settembre 2016

IL Complesso Dominante - Updated

INDICE DEI POST 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Blog che insegna ad usare in modo utile i sogni


Questo blog è un po' speciale. E' come scrivere i capitoli di un libro, per cui è opportuno, per poter capire il contenuto di un certo post, leggersi i post che lo precedono, altrimenti alcuni argomenti potrebbero risultare incomprensibili. Chiedo al cortese lettore di essere paziente e di spendere un po' del suo tempo per condividere con me i suoi commenti e le sue critiche, affinché mi aiuti a migliorare i concetti, il lessico, l'esposizione. 
Un sentito e cordiale grazie.

--------------------------------------------------------------------------------



Update-Change


Ho cambiato il titolo originario di questo post.

 "Il Complesso Dominante" è una formalizzazione autonoma che precede e condiziona la decisionalità dell'IO. Il superamento di questo complesso è pressoché impossibile considerata la sua posizione nei processi cognitivi. Ed è ancora impossibilissimo superarlo leggendo semplicemente questo post.
Assolutamente impossibilissimo.
Il complesso dominante più diffuso, soprattutto in Italia, è quello materno. Esso è sacralizzato dalla religione e tutelato dalla legge.
Tale complesso pone la madre in subordine ai figli, subordine che si esplicita in molteplici aspetti. Uno di questi è la coppia (diade) figlio-madre che possiamo vedere in tante foto postate sui social-network e non solo. Tutto sembra bello e buono; tanti sorrisi e altrettanti "I like". Ma dietro quell'immagine cosa si cela?
Cosa dicono i sogni di queste mamme e di questi figli?
Quando vado a leggerli riferisco sì e no il 20%.

Poi qualche mamma coraggiosa chiede di più e quando arrivo al 50% della traduzione il 99% di esse scappa, incapace di sostenere la visione di sé per come realmente esiste.
Scappa via incapace di sostenere i suoi sogni e il giudizio che i sogni del figlio danno sulla madre.
Un fuggi-fuggi dominante!

La soluzione del problema non è complessa, anzi è assai semplice, e per questo veramente non facile da accettare.
Ma non ci sono altre strade.

Tocca mettersi in discussione e farsi assistere da un consulente che non abbia il medesimo complesso dominante del cliente.
Se per malaugurata sorte questo accade (e succede spessissimo) la terapia va avanti per anni senza che ci sia evoluzione e sanità.
Le analisi interminabili della psicanalisi p.e.

Altri invece si accostano curiosi e pure interessati: sono d'accordo su quello che dici perché lo riscontrano storicamente nell'attualità delle loro relazioni familiari, di lavoro, di amicizia.
Ti fanno degli esempi calzanti su Tizio e Caio, su Fileno e Sempronia, ma quando proponi loro una verifica, perché hai visto che a Taio o a Cizio le cose potrebbero mettersi male, ecco che scatta questo maledetto Complesso Dominante che fa dire di sì come Pinocchio.
Mentre ti dice "sì" l'indice inevitabilmente corre sulla sua punta del naso o fa croce sulle labbra.
Oppure lo sguardo si fa sfuggente e il mento si volge in basso.
Oppure ecco le braccia conserte o le gambe accavallate.
Resistenza totale. 
Davanti a me la Mole Adriana.

Mi viene in mente la serie televisiva "Lie to Me" con Tim Roth: « He sees the truth. It's written all over our faces. »

La vita è tua amico mio, anzi no, ti è stata data in prestito e tutti la devono poi restituire.
Quelli che se la giocano col complesso dominante arrivano prima.

Non è detto che ci sia la morte del corpo fisico: quello si può tenere in vita con le medicine, protesi e altre diavolerie. Quello che si degrada è il corpo eterico o astrale,  che è possibile osservare (con un po' di allenamento) come aura. 
Chi cura questo secondo corpo, dove risiede la forza vitale, è la medicina omeopatica riconosciuta ufficialmente in molte nazioni.

Ma la medicina ufficiale e quella omeopatica sono assolutamente impotenti nel curare Il Complesso Dominante.

La vita, è tua amico mio, anzi no, ti è stata data in prestito e la devi custodire con amorosa cura. Se non lo fai, se non ti interessi  a questo amore per te, allora cosa può interessare a me?


Nel post ripeto per l'ennesima volta quali sono le tre istanze attraverso le quali il complesso dominante s'ingrassa e prolifera a discapito dell'autenticità della persona quale essere umano.

Aggiungo: il complesso dominante è caratterizzato da un pensiero ricorrente che si riferisce ad un problema insoluto della persona (affettività, amicizia, famiglia, figli, lavoro, sesso, salute, ecc.).
La soluzione del problema viene continuamente differita non possedendo il pensatore le risorse e le capacità per affrontarlo con vantaggio.
La soluzione c'è ma il complesso dominante ne impedisce la visione e la conseguente azione risolutiva.

End of update

---------------------------------------------------------------------------------------------------------


La dottoressa D.P. mi ha posto il seguente quesito:


Gentile Dott. Bernabei,
Può fare un esempio pratico di come viene riconosciuto e superato IL COMPLESSO DOMINANTE? Come arriva nel sogno? Quali immagini? Come, una volta “ smascherato “ e verbalizzato all’ interessato, si agisce?
Molto chiaro l’ accostamento con l'apertura di un tk all’ amministratore di sistema (prende il controllo del PC).
Grazie.

Se cerca con Google come primo  compare  questo riferimento:


Che cos’è il “complesso dominante”

Il complesso dominante è quello che tende con maggior frequenza alla coazione a ripetere, non consente ciò che gli è contrario o diverso da lui; consente deviazioni sporadiche ed altre forme complessuali, solo se di rinforzo al dominante, o predisposizione ambientale al dominante.

L’In Sé ha tanti fasci o pulsioni che si evolvono al contatto con l’ambiente. L’Io è il potenziale più realizzato tra queste pulsioni dell’In Sé, il fascio più forte capace di costellare tutti gli altri; è la valenza che ha maggior metodo per essere struttura funzionale dell’In Sé al mondo esterno. Non sempre, però, l’Io – più accreditato esternamente – è il più forte nella vita.

I complessi sono tanti piccoli “Io” prefissati, meccanismi di difesa della natura, sorti dopo che il soggetto, durante l’infanzia, ha accettato il compromesso con una situazione contro la vita che in seguito rimuove.

Sono forme di vita rimossa a causa dell’intervento del monitor di deflessione, per cui essi vivono ed agiscono; sono parti reali della natura del soggetto, che l’Io censura e si evolvono in modo autonomo.

Il complesso non può essere eliminato, per il fatto che anche lì è sempre il reale del soggetto. Esso è una zona rimossa, che va investita in una nuova forma; tolta dalla fissità dello stereotipo, si evolve in circolarità del potere dell’Io, il quale acquista in seguito un esercito in più.

Dice tanto ma dice poco.
Non dice cosa è questo complesso.
Usa termini che non sono di uso comune, ma che soprattutto è bene , almeno per ora, evitare per non ingenerare confusione.

Provo a spiegare in altro modo.
La faccio breve. Non sto qui a scrivere un trattato.

IL COMPLESSO DOMINANTE E' IL SIMBOLO EGEMONE DI UNA DELLE OTTO TRIADI CHE HO DESCRITTO IN QUESTA RELAZIONE, PIU' VOLTE LINKATA (e spiegata). E' UNA INTENZIONALITA' PSICHICA, CON PROPRIO SPECIFICO ISO, CON PROPRIA SPECIFICA FINALITA', CHE SI OPPONE ALLA INTENZIONALITA' DI NATURA DELLA PERSONA. (Queste cose le ho scritte nel blog e tocca studiarsele).

RIMANE INCOGNITO ALLE CAPACITA' COSCIENTI E NON PUO' ESSERE RAZIONALMENTE INDIVIDUATO ATTRAVERSO I PROCESSI LOGICI.
OCCORRE USARE IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI: I SOGNI.

Si presenta con le tre ridette modalità:

PERICOLO/PAURA  SENSO DI SPORCO  SENSO DI COLPA.

che vengono ampiamente trattate nello stracitato libro "L'Immagine e l'Inconscio"


All'atto pratico il complesso non è altro che la continua attivazione dell' effetto trigger (click su una delle suddette  modalità) esattamente come ha riportato sul commento. E' il  remote desktop da parte della Costellazione del Serpente che, per proprio utile, assume in toto il controllo a danno della persona.

La diade ossessivo/ripetitiva.

Alcuni esempi.

SENSO DI COLPA: 
- sentirsi in dovere di fare qualcosa per qualcuno, senza valutarne l'utilità e le conseguenze.

Fatto: nel SAT (servizio assistenza tossicodipendenti) dove facevo tirocinio era consuetudine incontrare il complesso della crocerossina (variante del Buon Samaritano). La ragazza, la fidanzata del tossicodipendente, si premurava di assistere il fidanzato per redimerlo...
Lui resisteva ma poi diceva "Sì la smetto, però per l'ultima volta ci facciamo insieme. Solo così sono disposto a smettere". Lei per amore si sottoponeva al ricatto e... Diventava tossica pure lei.
In due adesso ad aspettare il prossimo crocerossino.

Simbolo Egemone: l'adulto madre che aveva instillato nella ragazza il senso del dovere aiutare il prossimo. Nei sogni può mostrarsi con un'immagine del passato. Lei a spasso con la mamma sulla spiaggia di Marina di Camerota durante una burrasca. Alcuni ragazzi imprudenti sono in mare e corrono il rischio di affogare. La mamma vede la scena e commenta: guarda quei poveri ragazzi stanno per morire e noi non possiamo far niente per loro. Tu sei piccola e io non so nuotare. Se tu fossi grande potresti salvarne almeno uno, e invece...
- sentirsi in dovere di fare un figlio, sennò non si è femmina. Un classico italiano questo, specie nel profondo Sud.
- sentirsi in dovere di fare l'eroe.
- tutte le forme di masochismo...

SENSO DI SPORCO

- Provocare il voyeurismo del maschio ammiccando disponibilità d'approccio che poi vengono rifiutate perché lui è un porco.
Piggy and Pig. 
Lei si sente sporca perchè lui l'ha guardata in quel modo.
Ma chi è salita sulla scaletta della biblioteca mostrando le mutandine quanto lui era sotto?
POSSIBILE SINTOMO: melanoma al gluteo (caso vero).

Lui vede i genitori mentre hanno un amplesso. La mamma "Brutto sporcaccione tu non puoi vedere queste cose!".
Nei sogni può comparire la casa familiare, il corridoio e la porta della camera da letto socchiusa. Il sognatore guarda ma non vede niente di strano. Il papà sta leggendo il giornale (la carta) che ha una pagina bagnata strappata in un punto. Papà sta da solo (ellissi).
Miopia a 8 diottrie.

PERICOLO/PAURA
- Le mamme ansiose.
In realtà hanno paura che si scopra che loro quel figlio proprio non lo volevano e desideravano che non nascesse. Spesso associato al senso di colpa.
- Svalutazione di sé, paura di non farcela: linfomi e patologie ossee (più gravi), SLA (La mente prigioniera del corpo). Sogni compensatori di volo, di movimento.

Queste tre modalità non sono stand alone, spesso interagiscono sinergicamente. Danno origine a più conflitti e a sintomi diversificati.

Tocca vedere caso per caso.

Il complesso dominante non si supera, si disattiva e basta.
Come?
Mai usare la particella non.
Nei sogni, come ho già scritto, è assente la negazione.
Il sogno nelle immagini è sempre assertivo. Dice come sei in quel momento.
La disattivazione è compito della persona.
Il consulente si limita a leggere i sogni, non ci mette niente di suo.
I sogni dicono quando è disattivato.

Esempio buono: la signora sogna che nel suo orto sono nati molti asparagi (ometto i particolari). Lo psicanalista subito penserebbe ad un sogno sessuale.

Manco per niente.

La signora è la responsabile di un ufficio è ha sotto di sé diverse persone.
Il sogno le significa che sta gestendo bene il suo ufficio ma che trascura il suo orto.
Il sogno le dice che è il momento di farsi un orto privato, le competenze che ha maturato sono sufficienti per cambiare attività ed ha la capacità di scegliere bene i suoi collaboratori.
LA SIGNORA IN QUINDICI ANNI NON HA MAI INTRATTENUTO RELAZIONI SESSUALI ALL'INTERNO DEL POSTO DI LAVORO.

Perché gli asparagi?
Il sogno viene fatto durante il periodo di raccolta degli asparagi selvatici, i più buoni in assoluto. A lei piace andare per asparagi in montagna, conosce i punti buoni dove nascono. Le piacciono i piatti con gli asparagi, specie le frittate. Li sa cucinare alla perfezione.
Va in vacanza in un luogo dove piove due volte l'anno ma lì miracolosamente crescono gli asparagi.
E' il momento buono per cambiare.


Un cordiale saluto.

Daniele Bernabei

Gradita la condivisione :-)


lunedì 29 agosto 2016

lezione 22 aprile 2001

Carissimi lettori,

Vi invito alla lettura di una lezione centrata sulla spiegazione di come funziona (bene!) il meccanismo anti-umano della Costellazione del Serpente.

Due anni fa iniziai a scrivere questo blog e i primi tre post (che pochi hanno letto) trattano l'argomento "DEFAULT". Ovvero ciò che accade quando l'ignoranza individuale e collettiva (l'inconscio) rende possibile la massificazione delle menti.

Il 22 aprile 2001 trattai per la prima volta l'argomento che qui ripropongo nella sua versione integrale.

La Costellazione del Serpente è la rivisitazione in chiave squisitamente informatica di una delle scoperte della scuola di Ontopsicologia: il c.d. "Monitor di Deflessione".
Nell'estratto, a cui il citato link rimanda, poco si parla di informatica. Questa lezione propone un'integrazione al succitato libro atteso che l'altra scoperta dell'Ontopsicologia è proprio il "Campo Semantico" che è "Un trasduttore informatico senza spostamento di energia".
Nell'estratto di questo secondo link si legge in apertura "Il campo semantico è il trasferimento di un'informazione da un campo all'altro".
La dizione non è proprio corretta.
Non sto qui a disquisire sul come e il perché in quanto mi infilerei in un discorso caratterizzato dal secondo livello di coscienza (quello razionale-filosofico-scientifico) insufficiente per affrontare la realtà immaginifica della computazione onirica (terzo livello di coscienza) che si svolge solo ed esclusivamente nel suddetto campo.
Mi limito a dire che nel campo viaggiano "dati" che diventano "informazione" nel momento "egocettivo" della ricezione (ma non della trasmissione).
Gli effetti del "messaggio" si misurano solo ed esclusivamente sulla reazione del ricevente.
Il discorso diventa estremamente non facile e, siccome questo blog ha un intento divulgativo, preferisco trattare l'argomento in "corpore viri" riportando la trascrizione di una lezione dal vivo.

Se d'informatica si tratta allora usiamola per spiegare e diffondere questa novità di pensiero.

Purtroppo coloro che studiano (e hanno studiato) questa scienza, d'informatica applicata ne sanno davvero pochino (salvo alcune rare eccezioni).
L'ignoranza sull'applicazione pratica di questa scienza lì per lì non provoca disfunzioni in quanto è possibile vicariare i suoi concetti prendendo a prestito la filosofia e  la fisica nei suoi diversi ambiti,
Si può ricorrere anche alla teologia, all'economia e spingersi poi nell'universo dell'arte creativa (qui solo a livello individuale).

La psicologia c'entra poco o niente essendo una babele di scuole di pensiero che osserva la realtà secondo la proiezione dei loro fondatori e dei successivi epigoni.
D'informatica poco si tratta.

Col passare degli anni questa lacuna si amplia e produce i suoi deleteri effetti.

Il primo è la "generalizzazione".
L'informatica si distingue e si divide in numerose branche.
Se voglio creare un sito Web mi occorre una conoscenza specifica che non è solo quella dei linguaggi di programmazione o di Wordpress, devo sapere bene quali sono le strategie del digital marketing, devo conoscere tutti gli strumenti per diffondere il mio sito come ad esempio gli Adsense di Google...
Insomma non è una cosa semplice.

Se invece mi occupo di grafica allora ho bisogno di essere esperto di Photoshop.
Se faccio clip imparo Camtasia Studio.
Se sono architetto uso il CAD...

Se invece sono un ingegnere della Intel devo saper progettare una CPU...
Se voglio usare bene Excel è meglio che conosca il Visual Basic.

Se voglio fare una applicazione Android ho bisogno di conoscere bene SDK (System Developement Kit) per tirare giù una apk da sbattere su Playstore di Google o Aptoide.

Se voglio rootare il mio smartphone devo sapere come fare per poi caricare una ROM "moddata" di CyanogenMod o Oxygen.

Alcune di queste cose le so fare e mi diverto un sacco quando ci lavoro.

Centinaia di specializzazioni che crescono ogni giorno.

Se di queste cose sei digiuno allora fai un sacco di confusione e magari pensi che l'informatico sa fare qualsiasi cosa d'informatica.
Non è così.

Mi capita spesso, quando dico di essere psicologo, di essere scambiato per psicoanalista in quanto gran parte popolino crede che la psicanalisi sia l'unica psicologia.
La stessa cosa con l'informatica.

Un medico (******) che tiene il suo bravo blog, quando gli ho scritto che ero informatico, mi ha risposto "ma che ne può sapere lei di malattie e di psicosomatica, tutt'al più quello che sa fare è formattare un hard disk!".

Quando gli ho chiesto quale è l'eziologia della bronchite cronica non mi ha saputo rispondere. Quando gli ho chiesto il perché non esiste una cura non mi ha saputo rispondere.







Sorriso - Update


Sorry! Video has been unlocked.



lunedì 8 agosto 2016

Dedicato a



Cari amici, oggi vi propongo il seguito della lezione “La Quarta Via”.

Il post è abbastanza lungo e denso di contenuti. Avevo intenzione di dividerlo almeno in due parti, ma non l’ho fatto.
Leggete e fate una sosta se il testo non vi è chiaro.

La Costellazione del Serpente è spiegata qui in modo esaustivo.


Ho tenuto questa lezione proprio quando la Costellazione era al massimo della virulenza, tesa ad impedire la diffusione di queste lezioni, fino a bloccarle in modo definitivo.


Una scienza, quando la si ama veramente, non ha bisogno di incentivi o premi di sorta per essere coltivata.


Dedico questo post a tutti coloro che spendono il loro tempo per leggermi.




Lezione  8 aprile 2001


Consiglio sempre di prendere un po’ di appunti o registrare queste cose perché sennò non le potete mettere in pratica.
 Noi ricordiamo sì e no il 5% di quello che viene detto, qui c’è da studiare perché se uno studia poi può fare cose buone per sé.
 Questo, per quanto ne so, è il top della scienza psicologica, e stasera diamo la dimostrazione.

E’ chiaro che noi non possiamo dire che  conosciamo la verità sul sogno o  che lo sappiamo leggere, però se state qui siete in dovere verso voi stessi di usarlo per convertirlo in azione produttiva, altrimenti è inutile stare qua, convertirlo in azione produttiva attraverso la traduzione che faccio io, e qui qualcun altro riuscirà a fare, se ci riesce

Se non c’è la conversione in azione produttiva non serve a niente anzi è pure peggio, perché dopo la persona fa il confronto fra il messaggio che gli dice: devi fare così e poi quello che fa. Quindi studiare questo tipo di conoscenza, se uno non si adegua a quella che è la messaggistica della propria intimità positiva, è inutile e deleterio e diventa acceleratore di patologia.

Ecco perché la selezione che faccio è dura.

Certamente se andiamo a vendere altre cose di questo che studiamo qui non diciamo niente.
Se tu usi il sapere che impari le cose cambiano da così a così: puoi risolvere  i tuoi problemi, ma non quelli degli altri perché non ne hai il potere.
Acquisisci, però, il potere della conoscenza di come si può usare il sistema che è molto di più.

Non vai contro il sistema ma lo usi in modo coerente per le tue esigenze.
Usi la legge, la consuetudine, la religione… Quello che è il sistema in senso lato, un sistema di riferimento esterno che è utilissimo,  perché ci vuole, noi non possiamo vivere nell’anarchia.

Bisogna conoscerlo bene, quindi conoscere anche le leggine della Regione, le circolari della Provincia.
Nel tuo contesto, se vuoi fare una certa azione, non le devi conoscere tutte, però quella persona che cosa vuole fare? Assistenza nelle case di accoglienza per i malati mentali?
Incontri quella persona che ti sa dire tutto e se si può fare un progetto.
Ma prima di partire devi per forza usare il messaggio che i sogni ti mandano perché il sogno sei tu non è  una cosa che è al di fuori di te, tu se colui che costruisce attraverso un circuito di controllo: il sogno.

Se fate questo corso, quello che viene fuori qua non è uno spettacolo ma ciascuno di voi deve dare spettacolo e teatro di sé stesso e quindi deve applaudirsi nel momento in cui fa la parte fuori ma resta autentico dentro, è questa la doppia morale.

Insisto sempre su questo perché il punto di partenza dell’azione vincente è questo: dire di fuori e no dentro, dire di si dentro e no fuori.

Stasera vediamo cos’è la schizofrenia latente, come si fa a eliminare – se uno vuole – l’incidenza degli stereotipi familiari che adesso vengono fuori in modo molto violento.
 Quanto più dolci e teneri sono tanto più violenti si attuano all’interno della persona rinforzati dal super io familistico e dal super io religioso laico e ateo.

Questo diventa violentissimo per Pasqua, violento per Natale, per Pasqua è una violenza superiore a centomila bombe atomiche che scoppiano dentro il cassetto della tua scrivania. E’ di una violenza inaudita. Quando ho fatto dei congressi ho portato una relazione: Il modello della famiglia attivatrice di tutte le patologie comportamentali dell’uomo, perché tutto parte da lì.

Legge un altro stralcio dell’inserto sul sogno,  sulla parasonnia dei bambini (cfr. parasonnie/).

Tra l’altro dice che i genitori possono stare tranquilli perché tali sintomi spariranno da soli! Così uno nemmeno si preoccupa!  Così i  bambini vengono uccisi!

Un punto su cui sono d’accordo è uno studio di Melania Klein.: la posizione schizoparanoide nasce nell’infanzia a seconda dello stato emotivo della madre. Questo è il punto di partenza.
E’ necessario fare una verifica per verificare se uno è stato impasquato oppure no. E’ importante perché sennò non si può capire, mi dite di sì, ma poi uscite fuori e inciampate nella prima buccia di banana che una scimmia, che crede di essere uomo, ha buttato per terra.

Legge da appunti personali, presi nel corso degli anni.

Stasera vi faccio una lezione su come agisce e come uccide il m.d.d (Ora Costellazione del Serpente n.d.r.) i rapporti produttivi di coppia, che non deve essere mai una coppia in senso telenovela ma una coppia in senso sinergico di società
Ci mettiamo insieme perché vogliamo fare una società.
Se, invece, vogliamo solo fare sesso non ci mettiamo insieme, ci vediamo quando ci va, ma non facciamo società perché quello sennò fa casino in quanto  pensa che quegli incontri di sesso  siano tutto mentre invece non sono assolutamente  niente da un punto di vista di affari.

Nell’anno 1000 c’era la credenza della fine del mondo e anche nel 2000 c’è chi ci ha creduto, anzi nel 1997 c’è stato chi si è ammazzato. Ho paura perché accadono certi fatti: mutazioni a livello meteorologico planetario, mi devo preoccupare. Quando mi sono preoccupato che faccio? Niente.

Non mi preoccupo però se in Francia , in Russia, in America vengono intercettate tutte le telefonate, specialmente quelle coi cellulari, 100 milioni di telefonate al secondo vengono analizzate e se c’è la parola bomba, roba, terrorismo, ti beccano e vieni messo sotto controllo per cui c’è questa  strategia della tensione, della paura e della colpa e il nostro comportamento deve improntarsi in questa settimana a visitare i sepolcri della nostra esistenza per cui ci sarà un aumento della preoccupazione, uno si preoccuperà di essere buono con chi  non vede mai durante l’anno o con chi vede poco e siccome non lo vede mai ci sarà l’incremento dell’emotività e del sentimento: mi devo preoccupare perché  non sono stato molto buono con loro e devo avere anche paura perché se non sono stato buono e loro stanno male la colpa è mia.
Come faranno loro  a salvarsi?
Sarò buono, Come?
Sacrificandomi con atti eroici mascherati da altruismo.

L’eroismo è la forma più alta di stupidità che non porta a nulla se fatto in tempo di pace, in tempo di guerra non porta a niente se non la medaglia, alla memoria però. Da lustro alla patria che ha tante  croci in prati verdi
Tutto questo è sacralizzato . E’ sacralizzata la preoccupazione, è sacralizzata la salvezza, l’eroismo  il destino, l’apocalisse fatta dai 4 cavalieri del m.d.d.. Questa è la sacralizzazione: quando si vede il numero 4, il trapezio 4 , perché la sacra famiglia  è di tre persone, non è mai di 4, quella è sacra , le altre non sono sacre, per cui tutto ciò che è profetico, sia a livello onirico….vado a controllare la macchina e la ruota è sgonfia, meno male nel sogno qualcuno mi ha avvertito, è stato…
no, non è stato niente perché tu lo devi fare da sveglio il controllo, significa che è stata una tua distrazione che il tuo cosiddetto inconscio negativo recepisce e te lo manda come messaggio di salvezza.

Tutto ciò che Nostradamus, l’antinucleare, la salvezza o la tutela  dell’ambiente a tutti i costi si trova sotto terra a 20 metri di profondità..
Un rudere, non si può più andare avanti…
Ma io sto scavando per fare la metropolitana mica per trovare i ruderi!…
Quindi tutto un rovesciamento dei valori.

 Il buco dell’ozono, l’effetto serra, i ghiacciai che si stanno squagliando. Tutto questo ha un solo nome: Diavolo. Perché si mette per traverso su tutte le azioni che fai, a livello sistemico a livello personale e interpersonale. Durante le feste di calendario questo si accentua al 1000%.
4 sono gli elementi che identificano questa incidenza:Autorità, obbedienza, salvezza e vita
Autorità significa: devo fare così perché mi hanno educato, educato, imposto, che si deve fare così. 
Posso disobbedire.
Se obbedisco sto nella seconda fase della distruttività  personale perché se c’è questa autorità che mi dice che devo fare così e io obbedisco allora mi salvo, ma non in questo mondo. Dove? Nell’altro mondo.
Ma nessuno me ne da la dimostrazione scientifica.

Ossia io voglio – per poter credere – la dimostrazione scientifica dell’altro mondo – sennò che scienziato sarei? E tu questo non lo puoi fare, devi fare un atto di fede! Allora, per la miseria! Fai anche tu un atto di fede e se funziona non è più fede, c’è la dimostrazione in substanzia, non ab extra.…Acquisterai la vita eterna…
 No! Io voglio la vita di tutti i giorni.
però se tu sei obbediente, in funzione di quello che dice l’autorità: questa è l’unica via di salvezza, acquisterai la vita eterna e in questo modo sarai una persona d’onore.

Stasera questa che facciamo è la verifica di questo.

Poi dopo ci sono tutti i corollari. Valenze psichiche, aggressività, la creatività, predamento psichico. Il modello di famiglia attivatore del diavolo, qui c’è la dimostrazione molto difficile, attraverso i tre simboli della ipnosi dinamica, di come avviene questa diseducazione del fanciullo, attraverso le tre valenze negative del sesso: pene psichico, vaginismo nero e l’omosessualità come negazione della propria identità sessuale (verificata attraverso i sogni n.d.r.)

Se io faccio l’attivazione di questo la persona cade subito in trance o sviene perché non può sopportare il momento in cui è stato ipnotizzato e ucciso. Questo si attiva a Natale ma al 1000 per 1000  a Pasqua. Se uscite da questa Pasqua salvi …

Naturalmente per Pasqua noi dovremo interrompere perché ognuno deve fare…………

(Interventi di varie persone che dicono che non bisogna interrompere), anzi è il momento per fare qualcosa che ci tenga lontani da questo pericolo.
Le gemelle dicono di avere problemi(non sono le mie figlie ma due commercianti- n.d.r.).
Daniele: avete da fare?
Una delle gemelle dice che loro non possono venire perché non vedono la famiglia da quando hanno iniziato a  fare il corso….almeno a Pasqua!!!
Ecco questo è il momento in cui uno deve decidere, quando dico che mi odierete, che farete delle cose…..
Sto spiegando adesso come viene uccisa l’azione vincente nella persona. Tutte le altre domeniche  meno che quella di Pasqua!
Io sto spiegando proprio cos’è la patologia, la psicodinamica della patologia umana. Stasera faccio questo. 
Poi do la dimostrazione. Ognuno  naturalmente è libero di fare quello che  vuole………..
Io avevo intenzione di interrompere i n modo che ognuno potesse andare a farsi il proprio calvario.
Intereventi : TUTTI DICONO DI NON INTERROMPERE!!
Mi dovete fare lavorare pure per Pasqua……….
Io volevo andare in Toscana a cercare tutti i miei antenati……..
Però se è una bella giornata la Pasqua la fate tutta, nel senso che andiamo fuori

Una gemella: io non ci vengo!
Brusio generale di disapprovazione.

A: chi se ne frega!
Gemella: perché sei così aggressiva…
Daniele: aspetta, aspetta……..sta buona……..
Gemella: se permetti mi difendo!
Daniele:Non devi difenderti. Questo fa parte di tutto il gioco.
Gemella: io invece mi difendo perché non è carino…., è già tre volte e aspettavo solo il momento giusto per difendermi perché non è la prima volta che la signora si comporta così.
Questa è scuola, non è una questione di educazione. Voi mi  avete chiesto di far capire come funziona la psiche.
La prima cosa che ho detto: attenzione alla rimonta delle resistenze

Potete fare tutte le sedute che vi pare, però ci sono due momenti durante l’anno in cui la rimonta  delle resistenze é micidiale perché vai a toccare quello che di più sacro alla persona, lo tocchi, perché se tu  non lo toccassi non succederebbe niente.

Ossia queste non sono lezioni tenere. Non è una questione di educazione oppure no, qui non è una questione di comportamento, sto facendo scienza psicologica che  più di questo non si può.
Perché non si può?
Perché siamo al limite del vivere o non vivere, la linea di demarcazione è molto sottile, si tratta di dire stop, come abbiamo detto l’altra volta, e di rifare una valutazione attraverso questa certificazione onirica di quello che non ci serve assolutamente ma facciamo sempre, e di quello che  ci serve e non facciamo mai.

Non è tanto l’azione in questo preciso momento quanto quello che accadrà nella prossima domenica che è nocivo, è deleterio, perché è come se uno premesse il grilletto. In quel momento si preme il grilletto e non succede niente ma questo effetto trigger che è micidiale nella psicosomatica -  che poi potremmo fare  anche una lezione sulla psicosomatica (questo è il principio della psicosomatica) - lì per lì non succede niente, perché la bomba è stata innescata durante tutto il periodo della vita di una persona e in questi momenti particolari, sistemici, storici sistemici, si spara, dopodiché  succede che per i prossimi due, tre mesi la persona va in un calo terribile, non rende più come prima  e non se  ne spiega il perché: Ma come, sono stato buono…….ho fatto questo……

E’ una cosa incredibile questa, infatti io non posso assolutamente curare, a livello psicosomatico anche se sarebbe una cosa semplicissima, tutte le persone che hanno dei credi monolitici sull’affettività verso un certo ambiente, e lì ci muoiono.

Io l’ho visto quando sono stato a Ginevra dove ho visto tanti casi di psicosomatica. Una donna ce le aveva tutte, tumore, enfisema,….. Ma voleva morire da eroe.
Le ho chiesto:  Lei sta qui perché vuole guarire o perché vuole morire?
Perché non voglio cambiare!
E allora che ci sta a fare qui?

Fuori da questo contesto noi queste cose non le diciamo perché quello mi serve per fare contatto, amicizie, business, serve per fare conoscenze, anzi, una  pacca sulla spalla, qui non lo posso fare perché mi avete chiesto di fare un corso di alta psicologia  e soprattutto di scienza di psicologia e  di come si leggono le immagini.

Non posso tradire la scienza in nome di una cosa che non è scienza. Quando io dico questo non è perché io voglio male, non è perché io voglio bene, a me interessa che la Ferrari cammini. Allora il grande pilota che cosa fa? Fa assenza di tutto e guida e si concentra solo sulla pista. Ecco perché vincono, perché sono bravi.
Anche quando uno  guida può averci  accanto la donna più bella del mondo ma deve stare attento alla strada, perché se le guarda le gambe va a sbattere contro un palo!
Quindi in realtà quello che vorrei fare è tutta la spiegazione.

 Io ho detto solamente autorità, obbedienza, salvezza e vita.

C’è un’autorità che dice: devi fare questo! Devo obbedire perché lì mi salvo oppure espio una colpa, non posso farne a meno
In quel momento trovo la via la verità e la vita, le tre v. poi c’è la quarta v. La quarta via.

Ma quello da un punto di vista di trinità. La trinità è trascendente
Perché ci si è messa una cosa in mezzo e quindi…
C’è un’autorità, il super io freudiano.
Quali sono le uniche persone che non hanno il super io?
I narcisisti.
Quelli che sono troppo centrati su se stessi quindi il super io è stato così  introiettato profondamente che loro stessi sono il super io di sé stessi, quindi non  hanno un super il esterno ma  hanno un’immagine riflessa  di cui sono innamorati e vogliono che tutti prestino attenzione alla loro immagine.
Loro hanno un super io molto debole.

Invece il principio che ci pone esistenti è la vita, è il principio del genoma di cui abbiamo parlato in apertura di questo corso. E’ lì l’informazione  che ci dice  se vivi oppure no quindi il primo principio è la vita. Non è l’autorità.

Dal fatto che vivi oppure no discende tutto il resto. Se vivi sei capace a fare, se sei capace a fare e lo attui funzioni. La libertà è l’affrancamento da questi stereotipi.
La conseguenza non è l’onore, ma è il piacere. È un piacere cellulare, è un piacere trascendente. È un piacere di creatività, di vivere, un piacere di amare. E’esattamente l’opposto. La vita dice tutto, parte da me.

 Il diavolo dice: tutto parte dal fatto che c’è un’etica, c’è una morale che devi seguire, solo se segui questa ti salvi, allora vivi.

Nell’altro mondo però, non qui
.
Non ho ancora fatto un incontro di gruppo perché l’incontro di gruppo, quando lo si fa, è molto peggio del chi se ne frega! Uno è libero di dire le cose dritte per dritte, come fai tu, che fai bene, però nessuno ti dice che sei maleducata quando lo fai, è vero? L’accettano perché sanno che ci vedi perché se riesci a vedere il campo eterico delle persone allora vedi dalla loro luce se stanno bene oppure no, ma non ti dicono che sei maleducata anzi dicono: quella lì è utile, quindi non è una questione di educazione oppure no, perché le nostre cellule sono educate a un genoma che sta all’interno del nucleo.
Questa è ex duco (porto fuori). Invece quell’altra educazione non è un fatto di maieutica ma è un fatto di introversione di stereotipi non funzionali.

Qui adesso bisogna che tiro fuori tutte le scialuppe di salvataggio. Ognuno ne ha una, ci si mette sopra, poi entra dentro e non è una scialuppa è uno yacht, sembra da fuori una scialuppa ma se uno ci entra è uno yacht, e dove ti porta? Dove vuoi! Se vuoi andare là affonda.

Intervento di G.: se vuoi andare là affonda.
Daniele: se vuoi andare solo là affonda se invece vai da un'altra parte diventa sempre più bello e alla fine diventa una nave da crociera

Invece di andare dai cari andate ai Caraibi. Natale con i tuoi e  Pasqua con chi vuoi.
Io volevo andare trovare alcune persone che non vedo da tanto tempo però voi mi salvate…..io già ero pronto a……….Però dopo la telefonata la faccio.

E’ chiaro che qui non sto facendo morale, buona educazione, bon ton, sto facendo scienza di psicologia dove non ci sono modelli, non è perché lo ha detto qualcun altro, è perché lo dici tu. Ecco dov’è il difficile dell’applicazione di questo modello che non è un modello perché tu la dici in un modo, tu la dici in un altro e tu in un altro.
Quindi il setting varia a seconda del cliente.
Non posso obbligarti a comportarti in un certo modo se tu non sei così, non mi posso metter dietro di te a prendere appunti e a non dirti niente per tre quarti d’ora mentre stai sdraiato sullo psico-lettino.
Se tu vuoi il dialogo io ti devo dare il dialogo sennò faccio anche io l’atto di fede. Diventerei  il sacerdote di un pensiero più che un professionista che soddisfa le esigenze di una persona che vuole un servizio.
 L’unico presupposto per l’erogazione del servizio è che uno inizi dalla propria vita e non che cerchi un’altra vita. Che inizi da questa vita che sta dentro questo utero cosmico. Ecco perché io non volevo fare il corso, perché ci si ricade sempre. E’ una cosa fissa. Stasera sono un po’ più forte, un po’ più violento perché mi seccano tutte queste cose perché dopo Natale tutti male…….. Allora devo  interrompere. Tutti gli anni  abbiamo interrotto tanto è inutile che ci vediamo, siete delle schifezze e comunque non si fa niente in quella fase. E’ vero Gi.?
Gi: Purtroppo si.
Ci stanno delle testimonianze qui. Adesso faccio una piccola lezione di cibernetica e voi dovete identificare in che tipo di macchina state.

Interruzione cassetta
Ascoltiamo un po’ di musica e dopo ci si rimette a posto.

Il fatto che tu non stia bene lo riveli da un’alterazione fisiologica.
Pa. fa un intervento per correggere Daniele perché secondo lui sta dando un’errata interpretazione di feedback.
Daniele risponde, si ma quello che dici tu è superato.
Pa: estraponendo il segnale, avendo una più facile percezione del battito cardiaco, io imparo, ma non con la musica, ma tramite il segnale a dominare l’effetto cardiaco.

Daniele:  si, questo è quello vecchio. Ho letto che adesso hanno visto che con questo tipo di apprendimento  il segnale non da nessun insegnamento se invece immetti una cosa che annulla la causa, perché il segnale è il sintomo ma non è la causa, quindi hanno capito che se tu metti un qualche cosa che è contropolarizzante rispetto alla causa che determina l’accelerazione, la tachicardia scompare, funziona meglio. Il biofeedback, quello che dici è giusto,  ma ho qui la musica, te la faccio sentire,  c’è il battito e poi c’è il rumore del mare, c’è proprio il battito, sono 60-65 pulsazioni il tempo, perfetta.
Sono fatte bene queste musiche . è veramente un biofeedback eccezionale.

INTRODUZIONE ALLA CIBERNETICA


Effettore ad azione determinata. Dopo facciamo la lezione  adesso facciamo prima l’inquadramento per  vedere chi è pasqualino e chi è divino.

Efficacia: L’effettore esegue un atto elementare.

Sensibilità
 L’effettore non  è suscettibile  di reagire se non a certe eccitazioni, l’effettore non può adattare la sua azione   alle circostanze.
G. dice che sta andando troppo veloce e lei non riesce a seguire.

Quando io dico una cosa ti si deve presentare un’immagine attraverso la quale dire si o no, se tu cerchi di capire stai fuori strada.
Stasera sono in forma perché stasera me ne aspettano di cotte e di crude…….
E’ una cosa che mi piace moltissimo, perché io sono quasi  un esperto di questa cibernetica antiumana, la vedo subito.
Qual è il linguaggio del monitor di deflessione? L’inglese, l’americano soprattutto perché gli americani lo sanno usare proprio  molto bene. I russi pure perché lo copiano dagli americani. Pure i francesi ma sono stati cacciati via. C’è rimasto qualche cosa in Canada.

Quelli che conoscono questo linguaggio sono quelli che vincono, non solo lo usano ma lo usano a livello sistemico per cui quando in USA si fa la festa della famiglia, del ringraziamento, la si fa non perché  uno ha un sentimento verso quella famiglia che è la sua, ma perché è l’autorità globale che dice questo.

3°. Effettore ad azione condizionata. Queste sono delle macchine, poi ci sono i gradi di libertà, qui  è senza gradi di libertà. Prima ci sono le  macchine poi ci sono tre gradi di libertà.
La prima libertà è la libertà del come fare, la seconda libertà è del cosa fare, la terza libertà è del chi essere, il chi essere è l’uomo.
Cita il testo “Introduzione alla Cibernetica. “ di un autore francese, da cui sta leggendo, Pierre De Latil.
Effettore ad azione condizionata, efficacia
L’effettore agisce sotto certe condizioni.

Sensibilità: L’effettore è suscettibile di reagire ad una o più eccitazioni facoltative previste dal suo determinismo, ossia  reagisce solo se uno fa una certa cosa.
Limite : l’effettore non  può adattare la sua azione ad altre circostanze  non previste dal suo determinismo, non può fare un’altra cosa.

Effetti determinati: Queste sarebbero le macchine.

Adesso la libertà del come fare.
Se uno dice : Non posso farne a meno.Allora in psicoterapia si dice : Adesso ti dico come puoi fare senza riceverne danno.  Non ne posso fare a meno, sto in una situazione macchina sono determinato a fare …..Vediamo se sei libero di fare.
Inizi della cibernetica, la cibernetica prevede il feedback, significa che dagli effetti io modifico il mio comportamento. Dalle risposte modifico il mio comportamento
Il feedback è questo.

Naturalmente c’è il feedback negativo che è quello positivo per noi, che tende a mantenere una costanza di comportamento positivo, a mantenere una costanza di valori biologici,  di valori elettrici, chimici, di oligoelementi .Tende a mantenere l’equilibrio negativo perché impedisce la cosiddetta reazione a catena che poi la reazione a catena o catena nera della psicologia negativa secondo il nostro  studio é la stessa cosa. Bomba atomica.

Effettore ad azione stabilizzata, interna.
L’effettore stabilizza la sua azione ossia non fa un qualcosa che va oltre la sua tolleranza anche se  è negativo. Però non si fa del male perché rientra nella soglia di tolleranza. Sopporta quel peso ma non si rompe la schiena.
Le eccitazioni facoltative non hanno bisogno di essere determinate. Basta che esse modifichino l’effetto senza modificarne il determinismo. Che significa?
Chi è che ha  immagini?
Gi: io riesco a vedere  solo la mia cucina.
Daniele: Bisogna vedere come tu vieni cucinata perché non cucini. E’ semplice.
Io stanotte non dormirò perché con quello che ho detto devo stare sveglio fino a domattina. E’ un rischio.
Per esempio l’effettore ad azione stabilizzata è il pilota automatico,  il differenziale, è l’ ABS.  L’ABS è un effettore ad azione stabilizzata, significa che questo effettore deve impedire il bloccaggio delle ruote, come? o c’è il ghiaccio  o la pioggia, è indifferente, quello che conta te è che io agisco quando il numero dei giri della ruota, in funzione della velocità della macchina, raggiunge un certo X, a quell’X io non posso permettermi di  bloccare la ruota. E’ un dispositivo fatto veramente bene.
Antifading significa anti affaticamento quindi basta essere degli effettori di 4° grado per curare lo stress, non bisogna essere uomini, basta essere effettori di quarto grado per curare qualsiasi tipo di stress perché io tengo sotto controllo solo ed esclusivamente quella situazione.Non devo andare in blocco, devo sempre girare, devo muovermi., devo fare.
Non c’è bisogno di psicoterapia per curare lo stress. Basta chiedersi: come faccio a stabilizzare la mia azione?

Fine della meccanica classica.

5^ grado .Effettore ad azione mantenuta a determinismo interno

Però questo determinismo interno non da la valutazione se è positivo oppure no, perché a questo grado non è possibile stabilire se è utile o no, anche se azione determinata? Perché manca la finalità, perché  non so la motivazione (vera) per cui sto agendo, questo sarebbe l’inconscio, ossia l’inconscio  agisce sugli effettori di 5° livello.
Il corpo nostro è una macchina. Perché agisci così?
Perché il tuo centro  di coordinamento , il tuo  supervisore,  la tua CPU non sa perché sta facendo   un qualcosa.
Però lo fa. Questo è l’inconscio a livello psicologico. Si chiama inconscio perché gli psicologi non sanno niente di informatica. Vi ricordate che all’inizio del corso ho detto: parlerò di informatica.
Però è difficile questo.

6°  grado.  Effettore ad azione multiple a finalità interna.
Nessuno si riconosce in uno di questi?
La finalità c’é.
Il sogno ti dice qual’è la tua finalità, perché devi farlo e perché non  devi non farlo.
Sei libero di che cosa fare, allora quando si fa psicoterapia, siamo sempre al 6° livello.

Terapia  intesa come  creatività.. Che devo fare? Quante volte me lo chiedete. Che devo fare?  A questo punto non c’è l’inconscio perché tu me lo chiedi, io leggo il tuo genoma e dico: devi fare così.

Sei libero di fare “il che” ma non sei libero di essere te stesso se non fai questo.
Ecco che ritorniamo all’inizio della lezione in cui dicevo che nel momento in cui te lo dico e tu non lo fai poi soffri di più.

Naturalmente cosa succede? che se uno non lo fa e soffre di più se la prende con chi glielo ha detto che sarebbe il terapeuta.  Ecco cos’è il transfert . Il transfert avviene in questo momento.

Questo sarebbe il cosiddetto transfert storico. All’inizio c’è il transfert seduttivo: quant’è bravo lei…..E uno pensa: ma  guarda quanto sono bravo! Non è vero. Perché se te lo dice l’inconscio dell’altro tu non sei bravo, e se ci credi  sei solo scemo.

L’unica cosa che manca all’uomo di 7° livello è la materia perché l’uomo non può creare un qualche cosa dal nulla.
Per cui la creatività umana si applica nel rendere evidente quello che già c’é. Il perché non lo so e non lo voglio sapere perché per ora ci dobbiamo occupare dell’uomo.

L’8° livello sarebbe la trascendenza di questi stereotipi e la acquisizione del significato delle immagini passive

.Ma se uno sta ancora al 3°, 4° livello questo che io dico è  niente. Sono segni così, come questi quadri che stanno qua intorno di cui  ancora non ho spiegato niente.

C'é un rimedio a tutto per cui la consulenza che faccio è : ho fatto un contratto o scritto o metaforico o etico o deontologico o morale, che cosa posso fare per averne un utile

 Il sogno sic et simpliciter o l’immagogia ancora di più,  ti dice dove fare, come fare, con chi fare, perché fare,  tutto ti dice perché quelle immagini sono umane, vengono dalla terra da dove sei nato.

Quello che non nasce dalla terra si chiama autorità, obbedienza.
Quello che nasce dalla terra si chiama vita, si chiama capacità di fare perché vivo.
Sono due cose completamente opposte.

L’unica valenza che le discrimina è un bit.

Consideriamo una base dati di un giga byte, di un miliardo di byte, di un miliardo di caratteri, che sarebbe la costituente puntiforme di un’immagine per farla diventare, questa immagine, da funzionale a positiva, non devo cambiare tutta l’immagine, ( tiene la mano aperta con le dita in evidenza) basta che modifico il valore di uno di questi punti (dita) che automaticamente variano i valori di tutti gli altri
Questo si chiama, in ontopsicologia, effetto rete.
Quindi io modifico un fattore perché adesso io ho tanti fattori che vengono recepiti e quindi sono tanti input. Basta che cambio un solo input che tutta la mia rete cognitiva varia.
Questo si chiama pure complesso dominante.
 Adesso io l’ ho spiegato cos’è il complesso dominante.

 E’ un bit, un bit a livello fisico, neurologico di una rete neurale che sta all’interno del cervello, cervelletto, talamo, ipotalamo, prende tutto, allora la nostra educazione e la nostra  morale non solo altro che neuroni o bit programmati per obbligarci a un certo comportamento, tutto il resto funziona, è solo questo piccolo bit che fa cambiare la morale. Uno solo.Uno solo! E la mia specializzazione è vedere come varia questo bittino e come  l’immagine da  positiva diventa negativa, naturalmente per questa morale il soggetto ritiene positiva quella che lo distrugge e negativa le parole……..ecco perché si ammazzano i saggi.  E io stanotte devo stare sveglio. E’ così.

Qualcuno dice: per timore ….

Daniele: No, per timore, per prudenza di vivere.
Ecco quando  ho detto prima che questa lezione è eccezionale.
Interruzione……….

Effetti organizzati e effetti trascendenti uno può essere salvo, se invece sta negli effetti determinati non c’è niente da fare a meno che uno non butta la macchina  e se ne compra una nuova.

Significa che tu (rivolto a Gi.), ti  eri organizzato bene psichicamente,  per cui  ti sei fatto rubare il motore per un attimo (sogno della volta scorsa) però ti sei ripreso. Quindi il tuo custode, che sarebbe il m.d.d., ti dice “tu-tu .. ….”  facciamo conto che  esistono due sistemi di sicurezza. A casa o nell’autorimessa, io ho i miei sensori,  entra un ladro e mi porta via il motore della macchina e rimane accesa la spia rossa, poi arriva un altro che è un ladro matto e mi ci mette un motore nuovo (truccato n.d.r.), la spia rossa rimane sempre accesa per cui il fatto che la spia rossa sia accesa, non  significa che qualcuno ha rubato ma significa che  qualcuno è entrato, sei tu che devi verificare poi se hanno portato qualche cosa o se ti hanno rubato.

 Se ti hanno rubato è meglio perché se ti hanno portato qualche cosa può essere un cavallo di Troia o una troia che t’ ha portato a cavallo che è ancora  peggio perché sono belle, cicciottelle….

L’autore di questo libro non sa che  questa è la  legge del 7 e che queste sono le ottave e che questo è il ciclo 8.

….Allora a Pasqua non posso andare a trovare ……..
Divagazioni.  Gi dice che sua madre sa cucinare bene. 
Daniele risponde:”Anche la mia ma non ce l’ ho più ….”.
Adesso sento grande odio verso di me!
Prende i suoi appunti. “Tiro fuori  pure io qualche volta il  cilindro dal coniglio……..”
……. un coniglio da un cilindro dice qualcuno…..No quello sono capaci tutti, ma provate a tirare fuori un cilindro da un coniglio!

Che cos’è che  ci distingue da tutti gli altri esseri viventi? Il sorriso. La capacità di ridere.
Una struttura stereotipa è un qualcosa di definito cioè a quella domanda o a quello stimolo c’è sempre quella risposta. Il bit.

Su che cosa  si struttura e si muove questo tipo di psicologica che ho detto adesso? che è quella dell’autorità,  della obbedienza, della salvezza e della vita.
La psicologia negativa nasce come adattamento e non come cambiamento. Io mi adatto a fare un qualcosa da bambino,  perché subisco una violenza etica, non sessuale, mi adatto, dopo quando ho la possibilità  invece di cambiare sono così inferocito dentro questo buco di adattamento o pozzo,  che non sono più capace di cambiare e questo viene fuori nei sogni…... In quel tempo è successo….quegli amici, quella situazione….. Significa che in quel momento è uscito l’effetto trigger.
Educazione, effetto trigger, stabilizzazione dell’azione.

Che cosa fa il diavolo prima di cedere ? Le prova tutte: la  seduzione, l’ aggressione, il super io, mi dice così, le statistiche , la scienza, il prete, l’educatore, tutte le prova.

Quando non c’è più niente da fare e la persona non vuole cambiare ci sono due sole alternative. O la morte di chi ti vuol fare cambiare e allora quello se ne va, o il suicidio.

 Infatti la tappa finale di chi non ce la fa a cambiare è il suicidio, è sempre il suicidio. Il suicidio  per bulimia o per anoressia, il suicidio per alcolismo, il suicidio per discoteca, depressione, fanatismo, sempre suicidio é.
Poi c’è il suicidio proprio quando uno si spara.

Quand’è che si vede se uno cambia oppure no?  Più che dai risultati si vede dai frutti ,si vede se l’albero fa i frutti.

Adesso vi dico un po’ i segreti dello psicoterapeuta. I segreti… Siccome questa psicologia è direttiva: se gli dici di fare quella cosa e la inizia e la finisce allora è un cambiamento, altrimenti no,
non gli puoi dire niente. E prova a lavarti, prova  a  fare una passeggiata, prova  a prendere dei fiori in un campo……
Se lo fa significa che l’intenzione a cambiare ce l’ ha, se non lo fa…E che gli dico?

Fa una cosa grande!?

Ma se non riesce a farne nemmeno una piccola! Non è che io sminuisco la tua persona perché ti dico di fare una cosa semplice, facile.

Serve semplicemente per fare il test, è come la goccia di sangue. Non  ho bisogno di levarti tutto il sangue dal corpo,  mi basta solo  una goccia per sapere se stai bene oppure no.
Se invece trova mille scuse e perché si sente troppo grande per quella piccola cosa, allora rimane negativo.

Non c’è bisogno di scrivere tanti libri
Questa terapia è improntata sul fare. E’ immediata. Fa un po’ questo, vedi un po’….. Ma mi ha detto di pulirmi le scarpe…..perché poi ti dico che te le devi pure lavare perché ti puzzano i piedi!

Che cosa significa quando puzzano i piedi. Che uno non è stato amato bene dalla madre, che è stato in psicologia negativa durante l’educazione. E’ psicosomatica questa.

Intervento di Gi. che dice che ai suoi figli i piedi non puzzano………..
Excusatio non petita accusatio manifesta.

Il silenzio è poco ma star zitto è troppo.Allora? Occorre dire no dentro ma si  fuori oppure si dentro ma no fuori.

Da che cosa è che nasce questo modello negativo? Da una frustrazione ricevuta nell’infanzia. La psicologia negativa nasce sempre da una frustrazione, conseguentemente questa frustrazione può essere vissuta o introiettata per campo psichico.
Frustrato perché non mi hai mandato  per esempio al campeggio quella volta , però  se da piccolo la frustrazione non è una cosa..… uno poi capisce, qui non va bene……è un'altra cosa. E’ una frustrazione vitale, è quella per esempio di essere amato. La frustrazione peggiore è quella di negare l’amore al bambino.

Di solito la frustrazione nasce perché viene insegnata, non attraverso i libri, ma attraverso l’azione quotidiana, viene rinforzata continuamente.

Le malattie ereditarie nascono da qui perché se il bambino che sta in una famiglia di ulcerosi lo metti in una famiglia dove le persone sono ……. il bambino l’ulcera non se la prende.
Se invece quelli sono diabetici molto probabilmente se la prenderà. È una questione di apprendimento, ossia lo stile della malattia viene appreso nel contesto familiare, secondo la cultura e la credenza della famiglia.

La frustrazione avviene sempre per dipendenza affettiva. Sempre.

Infatti in medicina si dice che uno è affetto da una malattia, significa semplicemente che l’affettività si è psicosomatizzata secondo quella modalità. Non a caso si dice che uno è affetto da una malattia.

Oppure ho dell’affetto per te. E vattene! Come ti permetti, chi ti ha dato il permesso.

Per capire se la relazione è positiva oppure no puoi chiudere gli occhi per un attimo e percepirla come esperienza intima  di immagine. Vale sempre questo!

Che differenza c’è fra le tre istanze psichiche secondo la psicanalisi e quelle di questa scuola? Quali sono le tre istanze psichiche secondo  la psicoanalisi?  Sono Es ,Io e Super Io. 
Nella psicoanalisi  l’ Es  sta sotto,  l’io nel mezzo, il Super io in alto.
Per questa scuola no.
L’Es  che non è un’accozzaglia indefinita di pulsioni ma  è un principio intelligente è  diviso dall’Io  dal  Super Io che  sta nel mezzo. Quello che impedisce l’azione funzionale è questa cosa che si mette in mezzo.

Nella rappresentazione reticolare delle reti neurali questi si chiamano layers (strati – n.d.r.) la coscienza, quello che tu vedi di me è il cosiddetto strato della corteccia esposta,  poi ci sono quelli nascosti, gli item, che sarebbero l’inconscio.
L’inconscio è  quello che ti dice cambia bit, cambia bit….. solo quello fa, ossessivamente. :E’ meccanica.. Cambia bit.

Come si fa per eliminare questo? Quanto paghereste per saperlo? 

Un tot?

 Io ve lo dico per un mezzo tot.

Quanto potrebbe essere questo mezzo tot? Un quarto di tutto   Di quello che sei, per cui se tu mi dai un quarto della tua anima io ti do la risposta, però basta che agisci quello che io ti dico.

Ti ho fregato!

Perché se mi dai un quarto  ti rimangono tre quarti, buttato via il quarto tu stai di nuovo  nel tre, ossia mi fai il transfert della tua schifezza.
Io lo butto.
Come si fa ? Con il Biofeedback?
Chi ha il cuore che va veloce adesso perché è arrabbiato….basta che fa il biofeedback.

Interruzione cassetta

Adesso facciamo pasqualini e divini.
Chi si sente pasqualino si mette di qua chi si sente divino, di là.! In base a quello che ho detto. Provare.

Tutti si spostano nella parte dei divini. Ho detto chi si sente, non chi lo farà.

Ho dato dimostrazione di cosa è Pasqua e di cosa non è Pasqua. Allora mi sorge spontanea una domanda.
Daniele chiede a una delle  gemelle: perché tu ti senti pasqualina?
Gemella: Tu hai detto pasqualini e divini, divina non mi sento.

Divini significa che vuole uscire da essere pasqualino e chiamarsi uomo maschio o uomo femmina, ascoltare quello che uno dentro è. La gemella si sposta sul  lato divini.. Clic clic, tutti hanno capito.
Per eliminare tutte queste influenze negative l’unica cosa è l’indifferenza e il ridicolo. Ossia usare l’humour.

Domande?

E’ difficile fare domande perché la dimostrazione che ho dato è evidente.

Ora vi dico anche un’altra cosa molto simpatica. Più forte è la decisione rispetto ad una istanza aliena – fino adesso non abbiamo parlato di alienità -  più forte è la resistenza alla resistenza o quanto più è forte la rimozione della rimozione, tanto maggiore è efficace l’ azione  produttiva.

Io adesso sto facendo un po’ un discorso scientifico, un po’ di psicologia generale, si fa solo la verifica della percezione e della valutazione delle cose percepite. Abbiamo parlato di percezione all’inizio. Com’è il mondo? Come lo percepisci tu. Com’è l’amore? Come lo percepisci tu. Come sono gli amici? come li percepisci tu.
No.

Com’è il mondo? Come lo percepisci tu. …….No! E’ così. Se la tua percezione è in rapporto univoco, uno significa  una voce, è un tutt’uno con quello che viene rappresentato tutto va bene, se invece questo rapporto non è uno.
I sogni ti dicono che cos’è che non va.

Non c’è niente di meglio. Sarebbe la risonanza genomica che è data dalle immagini ologrammatiche del sogno o della vita. E si costituiscono in uno spazio extra sensoriale. Extra sensoriale da un  punto di vista fisico ma  sensoriale da un punto di vista psichico o trascendente.

Dove opera questo diavolo, questo clic-clic? Solo ed esclusivamente nelle coordinate spazio-tempo che sono una illusione psichica ma non sono la realtà perché il presente il passato o il futuro io lo posso esaminare.
Io sto qui, e adesso sto  qui ( si sposta lateralmente) ma se io mi ricordo che stavo lì e non ho presente che ora sto qui, per cui innesco una fase regressiva. Questa sarebbe la memoria che condiziona le mie decisioni.
Se invece condiziona solo il fatto che devo prendere l’auto, devo guidare,  andare a fare la spesa, qui va bene, mi serve la memoria.
 Invece quello che è la trascendenza della fisiologia, la trascendenza dello studio dell’uomo come essere fisico non va bene, non lo posso applicare lo stesso modello. La memoria va bene per mettermi una maglietta così e non così. Perché non funzionerebbe. O le scarpe sinistra e destra, le devo saper allacciare. E’ quello che è funzionale a tutti i giorni. Questo si  chiama, ciclo biologico che è basato sulla ripetizione di stereotipi funzionali.

Il ciclo psichico o  quello  creativo non  ha le stesse leggi del ciclo biologico. Essere sani da un punto di vista medico è difficile, figuriamoci da un punto di vista psichico! Che non è quella  la malattia mentale, quella che si pensa che  è la schizofrenia, la nevrosi:  non sono malattie mentali, è psicosomatica, è la scelta di un comportamento opposto al tumore, perché schizofrenia e tumore sono la stessa cosa, solo che uno ha una sintomatologia e un altro ne ha un'altra. Se invece noi andiamo alla causa vediamo che quel certo tipo di frustrazione, quel certo tipo di educazione e di cultura della famiglia o del gruppo che ha educato il bambino ha scelto quella malattia già a priori perché magari andava di moda perché dava il cosiddetto  vantaggio secondario, l’attenzione e il primato gratis.

Domade?

An.: Non ho capito l’ultimo passaggio sulla scelta della malattia. L’ha scelta la famiglia per il figlio o l’ha scelta il figlio?

Tutte e due perché quella che io chiamavo prima la catena nera o il feedback positivo, quello che distrugge, perché il feedback positivo é principio del tumore o il principio della schizofrenia perché disintegra le funzioni mentali o la cellula , è la stessa cosa, il terreno di coltura equivale al terreno di cultura. E’ indifferente. Questa o quella per me pari sono. Non andiamo adesso a  spiegare, perché questo fa parte di un corso di specializzazione, del perché c’è questo meccanismo , di come opera e di chi ne trae vantaggio.

Noi adesso dobbiamo semplicemente schivare le trappole e non andare a cercare  dove stanno i trappers, quelli che mettono le trappole.
 Quello che conta adesso è la metamorfosi da castoro a uomo.
 Perché il castoro che fa? Mette le dighe, è un roditore, va bene per il castoro, ma se tu ti metti a fare il castoro fai la fine della pelliccia, diventi una pelliccia,  e ho già dato la spiegazione.

Le hai mai sentite queste cose? Tornano un po’? chiede a una gemella?

E’ un po’ difficile, risponde.
Se uno mi dice un sogno, io quello che ho spiegato in due ore lo dico in 30 secondi perché qui stiamo facendo un corso …..

Voi mi avete chiesto di fare un corso perché volete fare di più. Se vuoi fare di più…C’è chi lo sta facendo. Adesso  l’ufficio postale dei telegrammi è pieno. Durante queste feste c’è una specie di bassa pressione dei pensieri perché i pensieri sono oggetti fisici che galleggiano nella stratosfera e nella ionosfera che durante le feste, proprio per negatività dell’uomo, si abbassano uccidendone l’intelligenza.
L’atto estetico per poter esistere (noi già lo siamo), è tirare fuori quello che è già in noi presente.

Fare gli inventori, gli scopritori… Di se stessi.

 Inventare continuamente sé stessi per scoprirsi nuovi. Per esempio nei sogni essere nudi. E’un po’ la vergogna della  verità ,quando uno si  copre, ma almeno stai senza vestiti, senza stereotipi.
Abbiamo fatto la cibernetica. Sarebbe interessante vedere che cosa i sono i fattori e i deflettori e come si agisce sul fattore in modo tale che l’effettore sia conforme al proprio progetto
Non c’è bisogno di cambiare tutto basta che cambi una cosa sola,  quella che ti rovina: il bit.
Tu sei tutto esatto!
 Quale è è la fregatura?
 Che uno pensa che sia tutto sbagliato!
No, la persona fino a che vive è tutta esatta…….il bittino che fa casino non lo trova neanche un microscopio a scansione di sonda  che è un microscopio elettronico che ingrandisce fino a un miliardo di volte.
Questo bit sta dentro il DNA fisico di alcuni neuroni per cui ti determina ad  un comportamento etico non conforme al tuo vantaggio di economia esistenziale e monetaria.
 Ci perdi di soldi, non fai gli affari! solo per questo bittino.
 Io quando me ne accorgo, lo vedo, ma come posso fare per…?  Mi dispiace, poi dico che non mi deve dispiacere. Però è un attimo.

Ci sono delle persone che dentro sono dei piccoli soli perché il sole è una reazione a catena controllata sennò sarebbe un’esplosione e poi diventano le nane bianche che da un punto di vista cosmico  potrebbero  essere anche le nonne…….”quanto ti voglio bene nipotino mio……” Invece il sole è una reazione a catena controllata. E’ una grandissima pila atomica.

 Che cos’è che determina la Chernobyl psichica? Il fatto che le barre di grafite che controllano la reazione nucleare vengono alzate e abbassate troppo spesso.
Quindi  molti pensano: “io faccio  come mi pare tanto poi dopo mi curo”, non è vero perché una volta che la reazione ha raggiunto la massa critica è inarrestabile.

Infatti nella psicosomatica  io faccio sempre riferimento alla cosiddetta massa psichica, una volta che l’organismo – il tumore, la schizofrenia – ha superato una certa soglia, quella è irreversibile, non si può più tornare indietro.

 Perché l’immagine, l’ologramma te lo dice. Vi ho fatto controllare il battito, possiamo controllare anche la pressione, perché nei sogni se uno sta bene o male molto spesso è rivelato  attraverso il dottore che misura la pressione. Se nel sogno il dottore mi misura la pressione e ho 80 di minima e 100 di massima significa che sto all’80%, se ho 90 e 130,  devo fare la proporzione – significa che sto al 70% della mia possibilità. Può dire anche 100% ma è difficile, a quel punto ti fa vedere un bell’albero che fa i frutti, se stai al 100%, non ti dice più la patologia.
Fa la diagnosi, un attimo.
Il tuo progetto interiore: stai al 70% della tua prestazione fisica. Se è 55 non c’è più niente da fare a 60 stai sulla linea rossa, la sottile linea rossa, là c’è il tuo Vietnam, là c’è la tua vita. A 59 non c’è più niente da fare a meno che avvengano delle cose, ma è molto difficile. E’ irreversibile a meno che uno non agisca sull’attivatore delle immagini.

 E’ difficilissimo non per il danno fisico ma per quello che in realtà è il danno psicologico.

 Significa che il 40% della tua mente è stata invaso da quel bit. Un granello di sale e un cucchiaino di zucchero nel caffè, non si sente il sale, ma se tu ci metti 40 parti di sale e 40 parti di zucchero, tu senti il sale, non è perché è più forte, ma è perché si è stati abituati a un certo sapore, a un certo dolce, a un certo amore, significa che c’è il 40% dell’aggressività contro te stesso. Quindi l’erotismo vitale, vincente della persona è stato segato al 40 %. Al 50% uno muore perché è servitore di due padroni, non si può andare con i piedi su due staffe: significa che sei schizofrenico o psichicamente o fisicamente. Fisicamente è tumore, la schizofrenia, psichicamente è la schizofrenia latente e il mal di testa, la psicosi, ecc  Non c’è nessuna differenza. Serve solo per fare specializzazione di professione e  un sacco di soldi Se tu vai alla causa, levi il bittino…….ecco perché a me piace l’informatica. Levi quello….
Gia: che facciamo a Pasqua?
Daniele, non scherzare!: fa conto che tu sei Attilio Regolo adesso. Io vedendo te ho visto Attilio Regolo. Lì c’è la botte, qua c'é la vita.

L’ossessione o la coazione a ripetere sono la botte di Attilio Regolo, per esempio se un maschio  vede una botte nel sogno, significa che la prostata non gli funziona bene, la botticella del piacere, se c’è l’aceto dentro…
E’ semplice il linguaggio, basta saperlo leggere.
 E’ così che si fanno le diagnosi. “Mi fa male un occhio, mi si è accecato un occhio”. Come stanno i tuoi figli? perché sono i nostri pupilli che…

 Significa che i figli hanno fatto una cosa sbagliata, non lo sanno, la madre psicosomatizza perché ha dato l’input, ha dato  il consenso. E’ poca roba, però se uno seguita mollichella-mollichella,  poi viene la miopia perché non vede.

Intervento: A volte mi “balla” l’occhio.

Quello significa che tu prendi la mira ma non riesci a capire a chi devi sparare!
Non capisci chi è che ti da fastidio. Significa solo quello E’ semplicemente aggressività spostata. E’ psicosomatica.

Intervento: A me capita spesso di sentire calore in varie  parti del corpo.
Il fuoco di S. Antonio è la stessa cosa. Bisogna vedere se quella è aggressività, è erotismo che si traduce in aggressività. Il fuoco, le vampate.

Intervento: nella fase di assopimento ho delle reazioni  improvvise…come elettriche.
Perché ti stai addormentando male. Stai con un pensiero…

A volte faccio degli esperimenti. Immagino di stare in un certo luogo. 
Per esempio quando uno cammina  sul marciapiede stando attento a non mettere i piedi nelle connessure,  allora sto attento a quello, sennò muoio…
Se mi metto a letto con questo pensiero ossessivo è perché sto cadendo, ossia faccio un rituale anti sfiga perché in realtà ho una colpa dentro, vera, non falsa,  non un senso di colpa, ma proprio una colpa, un colpo, mea culpa, mea massima culpa, questa si  converte  e si psicosomatizza in una fobia, un comportamento ossessivo, ecc

Cadere, nei sogni, significa esattamente la stessa cosa, solo che la tua intelligenza interiore, quella  intima, profonda, ti dice: attenta che puoi cadere E’ una forma ipnagogica. Prima di prendere sonno, metti le cose a posto e poi dopo puoi dormire.

Bisogna addormentarsi con l’anima pulita, con l’anima bianca. Questo è uno dei segreti.
Ecco come si fa.  Se stai con l’anima bianca sei indifferente a tutto, non sei sporcata. Devi essere candidata ogni volta alla vita, candidato significa colui che si è messo la veste candida perché è puro e perché é pronto ogni momento a incontrare i giudizi di Dio.

Ho fatto questa panoramica sferica all’interno della psiche utilizzando diversi approcci, da quello pavloviano stimolo-risposta a quello cibernetico, a quello della morale, ecc.

Se volete veramente poi fare consulenza questo è il momento per fare domande.

Come posso applicare queste conoscenze nel campo del mio lavoro? Come posso applicare queste conoscenze per incrementare il mio reddito e il mio lavoro senza fare niente di più di quello che faccio adesso? Si può fare anche così. Se hai un piatto di pastasciutta quella ti basta: resti come sei.

 Hai cucinato per dieci, e poi dopo ti lecchi solo il piatto: idem c.s. Non è che produci male o cucini male, è che qualcun altro mangia, tu no
Oppure cucino tanto  però non mi basta ma me ne avanza, cucino cento piatti di pastasciutta, e poi dopo li lascio lì. 
Che cosa significa? Che bisogna  continuare ad investire. Significa che quello che fai non solo lo fai per te ma lo puoi dare anche agli altri. E’ semplice, è biologico

Non c’entra niente Pasqua, non c’entrano niente i genitori, non c’entra niente la famiglia , in questo mondo per te,chi ci sta oltre te, per te? 
Ci sei solo tu.
 Poi dopo puoi decidere se fare o non fare, ma decidilo in base a un criterio vitale, questa è la sola cosa di cui siamo tenuti a rendere conto a noi stessi.

 E’ questo il giudizio universale che viene fatto ogni  momento, il giudizio universale viene fatto momento per momento e quando si dice che i morti resusciteranno dalle tombe per riacquisire i loro corpi significa  semplicemente questo:  tu sei morto in questo momento, ti sottoponi al tuo giudizio universale, che è il sogno, in questo momento il sogno ti dice questo…
Risorgi!

Interruzione cassetta

Non puoi intraprendere la scalata solitaria del Cervino a 30° sotto zero se hai in mente lei che ti mette le corna! Cadi al primo burrone.

 Poi bisogna verificare se è vero oppure no,  ma il fatto che tu cadi nel burrone è sicuro, ed  è un burrone di roccia, ghiaccio tosto e magari una bella stalattite di ghiaccio ti passa il cuore da parte a parte. Quello è il tuo erotismo.
Allora chi c’è c’è, chi non c’è, non c’è.

Però io consiglierei di fare così.

 La scappatoia è questa: E’ molto semplice, si usa la doppia morale, non solo ma si rinforza l’affetto e l’amore della famiglia essendo falsi fuori.
Uno dei modi: Andare a trovare il giorno prima perché poi c’è un impegno molto importante che non ti posso dire, te lo dico dopo, si fa una moina che non finisce più.
Oppure si va a trovare prima la persona e poi si va dove si vuole.
Oppure la si va a trovare dopo…sai avevo degli amici, tu sei il primo ma  sapessi questi…perché poi  dobbiamo lavorare insieme. Ti fai venire le lacrime agli occhi, ti metti in ginocchio  Tu sei il primo, però capisci... Non succede niente di niente anzi questa tua assenza fa aumentare la gioia del tuo arrivo.
Provare per credere.
Non è la quantità di tempo attraverso il quale si sta assieme a una persona che da il risultato o il valore dell’azione,  ma è l’illusione che si da dicendo tu sei il primo per me. Basta che lo dici  per un secondo e te ne vai , fai la visita del dottore e  hai adempiuto il tuo obbligo.

Perché questo accidente di bittino lavora solo su deduzione e non su intuizione.

Perché l’intuizione sta nella dimensione psichica; la deduzione sta nella dimensione storica.
 E siccome la dimensione storica è del corpo e la dimensione psichica è della mente la fregatura avviene sempre a livello di io logico storico che diventa povero, pauper, si impoverisce, diventa poco  e quindi non ha  la percezione globale del tutto. E’ chiaro che se uno poi sta in chiusura più io parlo più gli rinforzo il complesso in modo che  si rovina totalmente. Non perché io gli voglio male perché non muore, invece che arrivargli un pettirosso addosso gli arriva un tram. Non muore perché è un tram psichico, non è un tram fisico, per cui arriva una tranvata psichica ma non perché gliela mando io ma perché lui ha scelto di amare il tram e abbracciarselo mentre scende giù. Fate conto di sognare di essere a San Francisco.
 Sei invece sei a San Francesco  d’Assisi, che vai lì,  e  viene giù la cupola e t’ammazza perché viene il terremoto.

Se tu ti scansi e il terremoto fa crollare tutto, puoi vedere il cielo! Lo sai?

Se viene  il terremoto e  fa crollare la vecchia genitoriale casa o la cupola  e vedi il cielo, significa che stai cambiando, non solo ti stai levando i vestiti ma la struttura della personalità ormai si stai disintegrando, la corazza psichica sta disintegrando la corazza  motoria e quindi l’artrite per esempio sta per andare via.


fine lezione.


Daniele Bernabei