Post Translate

lunedì 14 marzo 2016

Updated - La Cartolina



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Blog che insegna ad usare in modo utile i sogni


Questo blog è un po' speciale. E' come scrivere i capitoli di un libro, per cui è opportuno, per poter capire il contenuto di un certo post, leggersi i post che lo precedono, altrimenti alcuni argomenti potrebbero risultare incomprensibili. Chiedo al cortese lettore di essere paziente e di spendere un po' del suo tempo per condividere con me i suoi commenti e le sue critiche, affinché mi aiuti a migliorare i concetti, il lessico, l'esposizione. 
Un sentito e cordiale grazie.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

BUONA EDUCAZIONE


20 anni fa moriva Andrea Barbato, un giornalista serio che aveva fatto della sua vita una missione di onestà professionale. 
Lo ricordo per via delle sue "cartoline",  e me ne sovviene una indirizzata anch'essa ad un noto Giuseppe, nella fattispecie Beppe Grillo.

Una lezione di savoir-faire, quella di Andrea Barbato, un parlare pacato e composto.




Certo che questa cartolina potrebbe essere indirizzata a molte persone che fanno dell'insulto una professione.
Non serve a niente.

Invece di insultare tento in queste righe di indirizzare tanto spreco di energia verso utili obiettivi.
La formalizzazione di qualsiasi  energia ha come modulo un algoritmo informatico.
Tale algoritmo (programma) è generativo dell'immagine che rappresenta dinamicamente il modo secondo cui la medesima energia viene utilizzata.

Negli esseri viventi gli algoritmi sono rappresentati da reti neurali. Alcuni tipi di reti generano le immagini dei sogni che noi riceviamo 24 ore al giorno. Non solo quando dormiamo.
Lì è rappresentata tutta la vita del sognatore sotto forma di relazioni con le molteplici realtà che egli vive.
Queste particolari reti neurali le ho chiamate "SEMPRISSIMO".
Il criterio di lettura di queste immagini l'ho ripreso da una particolare branca scientifica che si occupa di verifica e controllo sistemico: l'AUDITING.
L'AUDITOR certifica se quel prodotto, quell'impresa, quella scuola, quella banca... Corrisponde a determinati standard che sono descritti nelle varie categorie di ISO.

Nei sogni, in riferimento al sognatore, controllo:
il livello della sua IGNORANZA;
l'incapacità di attenzione, ovvero la DISTRAZIONE;
gli effetti passati, presenti e futuri dei suoi ERRORI;
le MALVERSAZIONI che dall'esterno possono danneggiarlo.


Tra i poteri della Costellazione del Serpente, il quinto - gli Spin Doctors - e il sesto - Story Telling Management - sono due modi in cui  si intrufola nelle menti umane. Lo Story Telling Management viene utilizzato professionalmente da Fulvio R. che ne ha fatto un suo cavallo di battaglia per fare business.

La verifica binaria dei sogni e dell'Immagogia è l'applicazione evolutiva della metodologia di Stefano Benemeglio, che io uso per confermare la correttezza interpretativa.

E' un'applicazione pratica che rientra nel "Campo Semantico Corto".

La tavola delle otto triadi riflesse, composta ciascuna da una diade ossessiva-ripetitiva e da una diade tanatica-egemone su cui si poggia il monitor della Costellazione del Serpente. E' la spiegazione scientifica di come si inserisce la matrice riflessa, trattata in una delle mie relazioni.
RELAZIONE

Nel post "Uccidere il Maestro" spiego come uscire dalla dipendenza ossessiva e mortale del culto della personalità.

Questa dipendenza ereditata dalla madre si manifesta nel maschio con la sindrome del Dongiovanni, per cui il maschio è necessitato a ricercare ossessivamente la vagina materna che nella realtà non troverà mai.
Non la troverà mai perché  la ricerca è a livello biologico, quindi ricerca vulvare. In realtà la madre si è esposta come ingravidante psichica, ossia pene psichico che nella ricerca a livello vagino-somatico risulta introvabile, collocandosi tale pene in altra dimensione.

Tutte le femmine che gli capitano non hanno scampo, specie quelle che ricoprono il ruolo di "Sacerdotesse". 

Io dico, affermo e sostengo che le malattie non esistono.
Esistono invece le persone malate che condividono diversi tipi di fenomenologie, altrimenti detti sintomi.
A causalità psichiche patogenetiche diverse possono corrispondere sintomi equipollenti.
Ma non sempre.
Ci sono dei sintomi che indicano inequivocabilmente che la persona è in un rapporto diadico con un morto. Il morto è dentro di lui, e lentamente ne decompone il corpo.

Dunque ci sono situazioni in cui uno ha dentro un morto.
L'intenzionalità psichica di un morto sotto forma di immagine fissa.

Ma il peggio deve ancora venire.

Il morto ha a sua volta dentro un altro morto.
Per cui il malato di AIDS è una matrioska di cadaveri:
Lei, il morto e la mamma del morto.
Ci possono essere molte varianti.
Relazione
Ma sempre tre morti ci sono.
Vedi slide 30 della relazione, settima triade. L'egemone è il pene psichico materno, il cilindro a sinistra.

Lei ha dentro un maschio morto, incinto della mamma morta.


Osservando questi fatti secondo l'ottica informatica, le suite antivirus (McAfee, Avast, Avira...) non possono fare niente perché tutto il sistema è morto.
Sul campo di battaglia ci sono solo cadaveri.
L'antivirus, Avira del corpo umano, è appunto il sistema immunitario.
Che fanno i soldati quando il re, la corte, il reame sono morti?
Quanto contano le pedine degli scacchi quando il Re è in scacco matto?
Niente.

Stai morendo col corpo: la tua anima non c'è più.
L'In Sè Ontico se ne è andato ritornando nella dimensione dell'Essere. Di te rimangono solo le spoglie mortali che i medici inutilmente innaffieranno di veleni.

La Grande Vita prosegue senza di te.
La Grande Vita ha scatenato la legge del Karma.

Capito, cari lettori: nessuno può fare niente.
Medici, padre, amici, 

Il sesso c'entra davvero poco.
Ci sono donne che hanno il marito sieropositivo, e seguitano ad avere rapporti senza essere contagiate.

Il guaio accade quando l'amplesso è psichico. 
Quando oltre al pene la femmina si fa ingravidare dal pene psichico della morta insediata nel morto.
Lì, la catastrofe.

Non solo.
Come fai a vedere se quella persona è predisposta all'AIDS?
Vai su Facebook o su Google+, p.e., e vedi che immagine ha per profilo.



Daniele Bernabei