Post Translate

lunedì 4 aprile 2016

Il Trentesimo Nome


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Blog che insegna ad usare in modo utile i sogni


Questo blog è un po' speciale. E' come scrivere i capitoli di un libro, per cui è opportuno, per poter capire il contenuto di un certo post, leggersi i post che lo precedono, altrimenti alcuni argomenti potrebbero risultare incomprensibili. Chiedo al cortese lettore di essere paziente e di spendere un po' del suo tempo per condividere con me i suoi commenti e le sue critiche, affinché mi aiuti a migliorare i concetti, il lessico, l'esposizione. 
Un sentito e cordiale grazie.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Meriti e demeriti

Ho incontrato pochi maestri nella mia vita.
Il primo è stato mio padre che poco mi accondiscese ma molto mi insegnò.

Come ho già accennato, per diversi anni fu  Capo del Personale di una grossa banca.
Prima di Roma e poi, siccome ci sapeva fare, di tutte le Filiali d'Italia; circa 6000 persone allora.

Quando era a Roma successe un fatto che fece epoca.

Una volta l'anno si decidevano gli avanzamenti di grado su proposta dei vari capi ufficio, capi filiale, capi servizio. Le proposte confluivano alle direzioni del personale di competenza che le vagliava e quelle più meritevoli le inviava alla Direzione Generale del Personale per l'approvazione e la ratifica. 

A Roma in quell'anno i promovibili segnalati erano giusto 30 persone.
30 proposte di avanzamento furono inviate alla Direzione Generale e furono inserite nel mucchio di quelle provenienti dalle altre filiali.
Trascorso il tempo necessario, le lettere di promozione furono inviate, come di consueto, ai Capi del Personale di competenza che, sollecitamente, consegnarono ai felici destinatari l'agognata missiva.

Tutte le filiali meno Roma.
A Roma non accadde nulla, come se le lettere non fossero mai arrivate.
Passa un giorno, passano due giorni e la gente incomincia a fremere.

Roma è stata esclusa! Che scandalo!
In tutte le Filiali sono arrivate le promozioni... A Roma niente!

Nessuno osava chiedere al diretto referente (mio Padre) il perché di questa anomalia.
Aveva fama di essere uomo onesto ma non gradiva che gli si facessero troppe domande e aborriva i pettegolezzi.

Il Terzo giorno gli arriva una telefonata proprio dal Direttore-Generale-in-Persona.

--"O dottor Bernabei, o che succede costì, e mi dicono che le lettere di promozione non sono state consegnate. O che succede costaggiù? Dove sono queste benedette lettere"

** "E le ho qui nel mio cassetto della scrivania tutte e ventinove. Ne manca proprio una la trentesima, che ancora non è arrivata. Appena l'avrò non abbia tema che le lettere saranno consegnate".

-- " Ne manca una? O che vol dire?"

** "Ne manca una e basta, avevo segnalato 30 persone meritevoli e fino a quando non ricevo trenta conferme tutto resta a candire. Oppure ci mette un altro al mi' posto".

-- " 'Un faccia così Direttore Bernabei che le cose si aggiustano, se si vole"

** "Grazie Direttore, la saluto".

Il giorno dopo arrivò la trentesima lettera.