Post Translate

venerdì 27 maggio 2016

2 - DEPRESSIONE - Nuova Cura

Seconda parte





1 - DEPRESSIONE - Nuova Cura

IL PROGETTO

Pubblico i video della presentazione .

Nel 2006 lavorai per sei mesi allo studio di un progetto per la cura delle persone depresse.
Insieme con me altri cinque professionisti con i quali condivisi le fatiche quotidiane per mettere a punto questo lavoro.

Lo sviluppo del progetto era fatto in seno alla ONLUS "FUTURHAND" che si era presa carico di trovare i finanziamenti necessari per acquistare, tra l'altro, un camper per poter diffondere sul territorio nazionale questo nuovo metodo di cura. La novità consisteva nel prendere in esame la c.d. "psicologia negativa" secondo un approccio razionale e scientifico che metteva in un cantone maghi, astrologhi, veggenti, fattucchiere, guru, illuminati, e quant'altro.
Se frequentate questo blog avrete già visto qualcosa in merito.
Nei video amplio il concetto e lo focalizzo per spiegare come curare, in maniera totalmente nuova le persone depresse.
Tenete presente che il pubblico di allora non sapeva nulla delle cose che spiego in questo blog, ragion per cui potreste imbattervi in cose che avete già letto nei miei post.

Allora, un modo che in fase sperimentale aveva dato dei buoni risultati, anche con la consulenza telematica via Skype.

Una grossa banca aveva apprezzato il nostro lavoro e ci aveva promesso un contributo di circa 200.000€. Non poco come inizio.

Il 10 di febbraio 2006 feci la presentazione ufficiale di fronte a diversi addetti ai lavori e registrai tutto l'intervento.

Ma, come talvolta accade, la Costellazione del Serpente nella veste di "vecchi amici" o meglio di "amici vecchi" nell'animo e nei fatti, fece in modo da INCAstrare il proseguimento delle attività. E il lavoro di tante brave persone subì l'arresto.

Oggi ripropongo la visione di quello che dissi allora in due ore e mezzo, che ritengo, per i suoi contenuti, sia tuttora attuale e meritevole di attenzione.
Ho diviso la presentazione in tre clips.
Ecco la prima:




Un saluto

Dott. Daniele Bernabei